Ticino, 09 settembre 2020

Dopo lo sfratto va al mare a vivere in barca, “giusto ritirargli il permesso C"

Era stato sfrattato dal suo appartamento in Ticino e da allora se n’era andato senza dire niente a nessuno. Per oltre due anni aveva quindi vissuto tra "la casa della compagna in Italia" e "una barca in Spagna". Eppure pretendeva di poter continuare a beneficiare del permesso C. Ma come tutte le istanze precedenti anche il Tribunale federale ha confermato la decisione della Sezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni. Il ricorso del cittadino italiano, patrocinato dall’avvocato Ugo Mantoan, è stato respinto con sentenza pubblicata oggi e le spese giudiziarie di mille franchi sono state poste a suo carico.

L’uomo si era trasferito in Svizzera nel 2006 e cinque anni dopo aveva ottenuto il permesso C. Nel 2017 era stato sfrattato dal suo appartamento e da allora, come da lui stesso ammesso, non ha più avuto un alloggio in Svizzera. Aveva quindi iniziato a vivere tra Italia e Spagna. La situazione era emersa nel 2018, durante un interrogatorio davanti alla polizia cantonale. Dopo averne preso atto, nel 2019 la Sezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni aveva quindi dichiarato “decaduto” il suo permesso di domicilio.

Egli però si è opposto alla decisione, ricorrendo dapprima al Consiglio di Stato, poi al Tribunale amministrativo ticinese e infine al Tribunale federale. Ottenendo sempre torto. “La constatazione del decadimento del suo permesso – scrivono i giudici di Losanna – non presta il fianco a critica alcuna. (…). L’insorgente ha lasciato la Svizzera ormai da anni (…) e la sua partenza non è stata accompagnata da nessun annuncio alle autorità migratorie, di modo che il permesso è decaduto con il trascorrere di sei mesi dalla stessa”.

Guarda anche 

Condannati gli attivisti pro clima che avevano occupato una filiale del Credit Suisse

I dodici attivisti pro clima che avevano occupato una succursale del Credit Suisse nel 2018 e che erano stati assolti nel processo di primo grado lo scorso gennaio sono f...
25.09.2020
Svizzera

Nascose il fratello dopo l'omicidio, licenziato dall'amministrazione cantonale

È definitivo il licenziamento dall’amministrazione cantonale di un 38enne svizzero kosovaro domiciliato a Monte Carasso, fratello di uno dei cinque condannat...
22.09.2020
Ticino

Il suo cane morde il figlio di un politico, lui chiede asilo in Svizzera

Ha detto di essere scappato dal suo paese a causa di un morso. Il giovane, un cittadino afgano, ha spiegato di aver deciso di chiedere asilo politico in Svizzera dopo che...
20.09.2020
Svizzera

Frontaliere con 16 condanne penali non potrà più lavorare in Ticino

Pretendeva di poter continuare a lavorare in Ticino nonostante avesse sulle spalle ben 16 condanne penali. Ma anche il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM) ha confer...
18.09.2020
Ticino