Mondo, 07 settembre 2020

Il Regno Unito fa pressione sull'UE, "accordo entro ottobre o non se ne fa niente"

Tempi stretti per Unione europea e Regno unito per trovare un accordo. La metà di ottobre è l'ultima scadenza per concludere un accordo post-Brexit con l'Unione Europea, secondo il Primo Ministro britannico Boris Johnson, che prima dell'apertura dell'ottavo round di negoziati a Londra questa settimana ha ribadito che il Regno Unito non comprometterà la sua indipendenza.
 
"Stiamo entrando nella fase finale dei negoziati con l'UE", ha detto lunedì il capo del governo conservatore di Downing Street, aumentando la pressione in vista della ripresa dei colloqui di martedì.
 
Il Regno Unito ha formalmente lasciato l'UE il 31 gennaio, quasi quattro anni dopo lo storico voto che ha segnato la fine di quasi 50 anni di adesione all'UE. Ma le relazioni tra Londra e Bruxelles rimangono governate dalle regole dell'UE fino alla fine dell'anno, mentre entrambe le parti cercano di concludere un accordo che definisca la relazione futura.
 
"L'UE è stata molto chiara sul calendario. Anch'io. Ci deve essere un accordo con i nostri amici europei da parte del Consiglio europeo del 15 ottobre affinché possa entrare in vigore entro la fine dell'anno", afferma Boris Johnson. "Non ha senso pensare a scadenze che vadano oltre", dice. "Se non
riusciamo a trovare un accordo per allora, non vedo la possibilità un accordo di libero scambio tra di noi.
 
"Potremmo avere un accordo commerciale con l'UE come quello dell'Australia", accordo che secondo Johnson rappresenterebbe "un buon risultato per il Regno Unito", che sta preparando le sue infrastrutture doganali e portuali per un tale scenario. "Avremo la libertà di stipulare accordi commerciali con qualsiasi paese del mondo. E prospereremo dannatamente bene” aggiunge il premier britannico.
 
Ma "un accordo può sempre essere raggiunto... Continueremo a lavorare sodo a settembre per raggiungerlo", dice. I negoziati sono in fase di stallo su questioni come la pesca e la parità di condizioni nelle relazioni commerciali.
 
"Anche in questa fase avanzata, se l'UE è disposta a ripensare la sua posizione (...) ne sarei felice", conclude Boris Johnson, avvertendo che il Regno Unito non scenderà a compromessi "sui fondamenti di ciò che significa essere un Paese indipendente per arrivarci".
 
Se Regno Unito e UE non riusciranno a trovare un accordo entro il 31 dicembre, fra le due parti si applicheranno le regole dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), con le sue tariffe elevate e estesi controlli doganali.

Guarda anche 

“Mister Stefano Maccoppi non è minestra riscaldata”

BELLINZONA - Paolo Gaggi è il direttore sportivo del Bellinzona da ormai 10 anni, da quando i granata - reduci dal fallimento - ripartirono dalla Seconda...
30.01.2023
Sport

Piqué “scatenato”: ha già tradito anche Clara…?

BARCELLONA (Spagna) – Altro che “Casio che dura tutta la vita” e “Twingo”, Gerard Piqué avrebbe già tradito Clara Chia Marti, ...
24.01.2023
Magazine

Lo Young Boys è senza rivali. Bianconeri da secondo posto

LUGANO - Dopo due mesi di pausa mel weekend è ripartita la Super League. Ne abbiamo approfittato per lanciare un sondaggio fra alcuni colleghi giornalisti per...
24.01.2023
Sport

Fa ricorso fino a Strasburgo per chiedere un canone TV ridotto per i single

Il Tribunale federale (TF) ha emesso la sua decisione giovedì scorso: "Il canone radiotelevisivo riscosso da Serafe AG per ogni famiglia non discrimina le per...
23.01.2023
Svizzera