Svizzera, 02 settembre 2020

Quasi 20 anni di carcere per aver ucciso un'escursionista incontrata per caso

Un cittadino bulgaro è stato condannato venerdì a Bienne a 19 anni di carcere per aver ucciso un'escursionista scelta a caso in una foresta a Orpond, sempre nel canton Berna, nel 2016. Scontata la pena per l'uomo seguirà l'internamento a causa dell'alto rischio di recidiva.

Il tribunale del giura bernese ha giudicato l'uomo, che ha quarant'anni, colpevole di omicidio. "L'imputato ha mostrato barbarie ed è stato crudele con la sua vittima", ha detto il presidente del tribunale Maurice Paronitti alla lettura della sentenza.

La vittima di 66 anni era stata trovata da un altro escursionista in un bosco a Orpond nel luglio 2016. La donna era stata uccisa con un'ascia mentre portava a spasso il cane dopo aver ricevuto circa 15 colpi alla testa. Gli inquirenti hanno escluso un'aggressione di natura sessuale o un crimine passionale, in quanto l'omicida e la vittima non si conoscevano.

L'uomo ha poi preso dal marsupio della vittima le chiavi della sua auto prima di darsi alla fuga. In precedenza aveva tentato di nascondere il corpo della vittima, con il cane ancora legato al guinzaglio alla sua padrona morta. Qualche giorno dopo era stato arrestato nella regione di Sciaffusa.

A incastrare il quarantenne sono state tracce di DNA trovato sul manico dell'arma del delitto e sul sacco a pelo della vittima. L'imputato da parte sua ha
negato i fatti e ha dato spiegazioni a volte inverosimili.

"Si è rinchiuso nella totale negazione", ha detto il presidente della corte, constatando la particolare mancanza di scrupoli dell'imputato e il suo odioso movente. L'imputato ha ammesso di aver alloggiato solo in una capanna di tronchi nella foresta dove è stato scoperto il corpo.
Secondo il magistrato, la vittima si trovava nel posto sbagliato al momento sbagliato. "L'imputato andò dietro a questa povera donna", ha aggiunto. Riferendosi alle molestie subite dalla vittima, Maurice Paonitti ha detto che è stato dimostrato alla corte che l'imputato ha deciso di finire la vittima.

"Una condanna da sola non basta a rimuovere il pericolo", ha detto il presidente Maurice Paronitti, aggiungendo che l'internamento è necessario a causa dell'"evidente pericolo di recidiva". Una perizia psichiatrica conclude che egli soffre di una grave forma di disturbo di personalità corrispondente al concetto di psicopatia.

L'imputato è stato inoltre detenuto in detenzione preventiva per quattro anni ed è stato giudicato colpevole, tra gli altri reati, di furto, violazione di domicilio, danni alle cose e soggiorno illegale. Per questi reati è stato condannato a un anno di reclusione, di conseguenza la pena detentiva totale ammonta a 20 anni.

Guarda anche 

Aveva decapitato la nonna ma non sarà giudicato, "non è responsabile delle sue azioni"

Il giovane che nel 2018 aveva strangolato, pugnalato e decapitato sua nonna a Frauenfeld, nel canton Turgovia, è stato giudicato responsabile delle sue azioni. La ...
19.09.2020
Svizzera

L'accoltellamento di Morges era un attentato terroristico, "vendetta contro lo Stato svizzero"

L'autore presunto dell'accoltellamento di Morges (vedi articoli correlati) era sotto osservazione dalla polizia federale per possibili legami con il terrorismo is...
17.09.2020
Svizzera

Un uomo pugnalato a morte a Morges, arrestato il presunto autore

Un uomo è stato accoltellato a morte sabato sera in un ristorante di Morges, nel canton Vaud. Il presunto aggressore, che aveva fatto perdere le sue tracce, &egrav...
13.09.2020
Svizzera

Strangola la ragazza in Spagna e si fa passare per lei su Internet, lo ritrovano in Svizzera

Giovedì mattina la polizia cantonale di Ginevra ha messo fine alla fuga di un colombiano residente in Spagna sospettato di aver ucciso la sua ragazza. L'uomo, ...
04.09.2020
Svizzera