Mondo, 28 agosto 2020

Docenti in rivolta, "il post Covid ci mette a rischio"

I docenti italiani sono in rivolta. La riapertura delle scuole post Covid– prevista tra meno di tre settimane – continua a far discutere. C’è apprensione tra gli insegnanti, la maggior parte over 55 e quindi considerati ‘a rischio’. “Si rischia – dice il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri – che i docenti spendano più tempo a far rispettare le regole che a fare le lezioni. Sarà un arduo compito”.

In Veneto, centinai di docenti hanno espresso la chiara volontà di non voler tornare in aula senza le dovute misure di sicurezza. “I docenti– afferma ai media italiani la segretaria della Cisl Scuola – si trovano senza tutele. La ripartenza delle scuole è un’incognita rischiosa”.

Guarda anche 

Più di 110 vittime in un attacco jihadista in Nigeria

Almeno 110 civili sono stati uccisi a sangue freddo sabato mentre lavoravano nei loro campi in Nigeria. È stato l'attacco più mortale contro dei civili ...
30.11.2020
Mondo

Proteste e scontri in tutta la Francia per una nuova legge controversa sulla polizia

Erano più di centomila, 130'000 secondo il Ministero dell'Interno e 500'000 secondo gli organizzatori, a manifestare sabato in un centinaio di citt&agr...
29.11.2020
Mondo

Angela Merkel vuole chiudere gli impianti sciistici in tutta l'UE

La Germania chiederà all'Unione Europea di vietare l'apertura degli impianti sciistici fino al 10 gennaio, nonostante l'opposizione dell'Austria e ...
27.11.2020
Mondo

Più di 500 cristiani uccisi da islamisti in Etiopia negli scorsi mesi

Più di 500 cristiani sono stati uccisi nella regione etiopica dell'Oromia (che si estende da est a sud-ovest del Paese), secondo un rapporto del Barnabas Fund,...
26.11.2020
Mondo