Svizzera, 20 agosto 2020

L'UE rifiuta di integrare SwissCovid alle altre applicazioni europee

Mentre la questione dell'accordo quadro istituzionale tra Svizzera e Unione europea è stata messa in pausa, tra Berna e Bruxelles è nata una nuova controversia riguardante l'applicazione SwissCovid che l'UE si rifiuta di integrare con le altre applicazioni analoghe sviluppati dagli altri paesi UE. Se finora durante la pandemia l'UE si era astenuta da nuovi tentativi di esercitare pressioni sulla Svizzera, come aveva fatto ad esempio sulla questione dell'equivalenza borsistica da settimane l'UE rifiuta alla Svizzera il collegamento al suo sistema transfrontaliero di applicazioni per il tracciamento di prossimità.

Secondo gli ultimi sviluppi, riportati dalla NZZ, una nuova interfaccia sarà introdotto per lo scambio dei dati delle applicazioni Coronavirus in tutta Europa, al fine di interrompere le catene di infezione transfrontaliere. Oggi, l'app per ogni paese deve ancora essere installata ogni volta che una persona si reca all'estero e le applicazioni fra di non loro non collegate in nessun modo.

Il motivo ufficiale dell'esclusione è che la Svizzera non ha un accordo sanitario con l'UE, accordo che a sua volta dipende dall'accordo quadro. Tuttavia, già a gennaio, i responsabili delle decisioni a Bruxelles si sono dimostrati pragmatici di fronte all'incombente pericolo di pandemia.

Allora, il problema era l'accesso al sistema di allarme rapido per le malattie infettive (EWRS), accesso che la Svizzera aveva perso a seguito di una decisione dell'UE nel 2013. Si è parlato di un blocco con "preoccupanti conseguenze per la sicurezza nazionale" nel settore sanitario. In caso di pandemia, le informazioni provenienti dai Paesi vicini sono fondamentali per la Svizzera.

Infine, nel caso del sistema di allarme
rapido, l'UE ha concesso alla Svizzera un accesso temporaneo all'EWRS. Semplice e non burocratico - perché in precedenza anche un accordo sanitario era, almeno ufficialmente, un prerequisito per avere l'accesso a questa banca dati.

Ma evidentemente, da qualche tempo a Bruxelles le preoccupazioni legate all'accordo quadro sembravano avere superato i timori legati alla pandemia, dal momento che, come scrive sempre la NZZ, " la cooperazione con la Svizzera sarebbe anche nell'interesse dell'UE".

L'ambasciatore dell'UE a Berna, Michael Matthiessen, ad esempio, ha ricordato alla NZZ che i cittadini svizzeri in vacanza nei Paesi dell'UE possano scaricare la rispettiva app nazionale sul proprio smartphone per sopperire alla mancata integrazione tra le app dei diversi paesi e quella svizzera, ma allo stesso sembra aver dimenticato i suoi stessi valichi di frontiera, valichi che ogni giorno vengono attraversati da 300'000 persone provenienti dai Paesi vicini che vengono in Svizzera per lavorare.

Per loro fa una grande differenza se non devono fare avanti e indietro tra le app nazionali Covid due volte al giorno - cosa che può essere rapidamente dimenticata. L'integrazione dell'app svizzera, scrive sempre il foglio zurighese, "è quindi fondamentale per spezzare le catene di infezione che si sono formate a causa del traffico transfrontaliero" .

Se a Bruxelles la questione sembra essere sconosciuta (o ignorata) questo problema è ben noto nelle regioni UE confinanti con la Svizzera. Per questo motivo i politici del Baden-Württemberg hanno interpellato la presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen sottolineando il numero non indifferente di cittadini tedeschi che giornalmente si recano a sud per lavorare.

Guarda anche 

Covid sul ghiaccio: sospesa l’amichevole dei Rockets

BIASCA - Un caso di Covid-19 ferma i Ticino Rockets: l’esito del tampone è giunto mentre i biaschesi erano in pista in amichevole contro l’EVZ Academy....
17.09.2020
Sport

Bufera sul calcio: via libera a schierare giocatori positivi

ASUNCION (Paraguay) – Una decisione clamorosa che non può che far discutere: mentre gli stadi restano per la maggior parte chiusi, o vengono riaperti sono in...
18.09.2020
Sport

L'Unione europea vuole abolire l'accordo di Dublino

La Commissione europea vuole abolire il cosiddetto "Regolamento di Dublino", che attribuisce la responsabilità di una richiesta di asilo al paese di prim...
17.09.2020
Mondo

Fra 6 giorni campionato al via. Ma c’è l’incognita coronavirus

Dopo l’antipasto di Coppa Svizzera (fra venerdì e oggi), fra sei giorni cominciano i due campionati più importanti del calcio svizzero. Super L...
13.09.2020
Sport