Svizzera, 17 agosto 2020

A processo con l'accusa di aver mostrato video jihadisti a dei bambini

Il Ministero pubblico della Confederazione accusa un 38enne somalo residente a Berna di aver deliberatamente indottrinato dei bambini a cui insegnava. Come riportato domenica dal "SonntagsBlick" l'uomo rischia una condanna a sei mesi di carcere. Il 38enne, secondo l'accusa, avrebbe mostrato video di violenza islamista ai bambini durante le lezioni del Corano per "radicalizzarli ideologicamente".

L'uomo da parte sua sostiene che alle sue lezioni di Corano, a cui i bambini avevano partecipato dall'inizio del 2015 fino alla fine del 2016, veniva insegnato solo il Corano e la letteratura araba.

Gli inquirenti della Procura Federale hanno tuttavia trovato
dei video contenenti propaganda jihadista su un computer in casa di uno dei bambini, video che il somalo aveva trasferito dal suo hard disk. Inoltre, durante una perquisizione domiciliare nel dicembre 2016, la polizia aveva confiscato dei dischi rigidi contenenti circa 12'000 video di propaganda islamista.

L'uomo si difende affermando che non sapeva che il possesso di questi video violenti era proibito e che li aveva scaricati "solo scoprire cosa succedeva nel mondo". La Procura federale accusa il trentottenne di propaganda per lo Stato islamico e per gruppi affini, di essere in possesso di raffigurazioni di violenza e di sostenere un'organizzazione criminale.

Guarda anche 

Costrette a togliere il velo dopo l’arresto, musulmane risarcite

La città di New York ha accettato di pagare 17,5 milioni di dollari per risolvere una causa intentata da due donne musulmane che sostenevano che la polizia aveva v...
09.04.2024
Mondo

Turisti scioccati per aver pagato 90 franchi due hamburger in un hotel svizzero

Una coppia australiana che sta viaggiando per il mondo per quattro mesi ricorderà a lungo il pasto comprato nel hotel in cui soggiornano. Se i due, Maria e Anthony...
04.04.2024
Svizzera

Dopo pochi mesi in Svizzera viene condannata per furto, racket e soggiorno illegale

Una lista impressionante di oggetti rubati, soggiorno illegale e racket: una donna austriaca è stata recentemente condannata nel cantone di Berna per aver rubato g...
04.04.2024
Svizzera

Malata, una donna si fa cacciare dall'ospedale perchè la sua malattia non è redditizia

Una paziente di un ospedale del canton Berna è stata dimessa dall'ospedale nonostante fosse ancora malata. Questo perchè, a suo dire, la sua condizione ...
20.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto