Mondo, 26 luglio 2020

Incendio di Nantes, il principale sospettato ha confessato

È reo confesso il volontario ruandese arrestato quale principale sospettato di aver appiccato l'incendio nella cattedrale di Nantes una settimana fa.

"Il mio cliente ha collaborato", ha detto l'avvocato Quentin Chabert al quotidiano "Presse-Océan". "Si rammarica amaramente dei fatti e ammetterlo per lui è stata per lui una liberazione. Il mio cliente è ora afflitto dal rimorso e sopraffatto dalla portata degli eventi", ha detto.

L'uomo "ha ammesso, durante l'interrogatorio iniziale davanti al giudice istruttore, di aver acceso i tre fuochi nella cattedrale: sull'organo grande, sull'organo piccolo e in un quadro elettrico", ha detto il procuratore di Nantes Pierre Sennès al quotidiano francese.

L'uomo di 39 anni, incaricato di chiudere la cattedrale il giorno prima dell'incendio, è stato accusato di "distruzione e danni da incendio e posto in custodia cautelare dal giudice delle libertà e della detenzione", ha detto il procuratore in una dichiarazione.

Il rettore della Cattedrale di Nantes, padre Hubert Champenois, aveva spiegato la settimana scorsa che il volontario era un "ruandese, venuto a rifugiarsi in Francia qualche anno fa". Secondo il rettore, il volontario è "in servizio come un chirichetto" e lo conosceva "da quattro o cinque anni". "Ho fiducia in lui e in tutto lo staff", ha detto all'agenzia stampa AFP.

Il volontario è stato preso in custodia dalla polizia poche ore dopo l'apertura delle indagini, il 18 luglio, e poi rilasciato la sera successiva. Gli inquirenti volevano interrogarlo perché dopo l'incendio non erano state trovate tracce di effrazione sugli accessi all'edificio, in cui erano stati identificati tre punti di partenza per l'incendio.

Il volontario è stato nuovamente arrestato e posto in custodia della polizia il sabato mattina, poi presentato la sera alla procura di Nantes, che ha aperto un'inchiesta giudiziaria, prima di essere incriminato e posto in detenzione preventiva. Rischia una condanna fino a 10 anni di carcere e una multa di 150'000 euro, ha detto Sennés.

Guarda anche 

A fuoco la cattedrale di Nantes, "origine dolosa"

Un incendio è scoppiato sabato mattina poco prima delle 8.00 all'interno della cattedrale di Nantes, in Francia. I pompieri, che sono intervenuti con 100 uomin...
18.07.2020
Mondo

Gli scontri tra ceceni e nordafricani in Francia, spiegati

Sono scene di guerra civile quelle che provengono dal capoluogo della provincia francese della Borgogna, Digione, e che stanno ormai andando avanti dalla sera dello ...
18.06.2020
Mondo

Guerriglia a Digione tra bande di ceceni e di africani, almeno sei feriti

Da venerdì la città francese di Digione è teatro di scontri tra la comunità cecena e quella africana a causa di un pestaggio di un giovane cec...
17.06.2020
Mondo

Macron ha perso la maggioranza dei seggi in Parlamento

La République en Marche (Lrem), il partito politico fondato dal presidente francese Emmanuel Macron nel 2016, ha perso la maggioranza assoluta dei s...
21.05.2020
Mondo