Svizzera, 10 luglio 2020

Migrante a processo per aver molestato e perseguitato due donne, "vivo nella paura di rivederlo"

Il suo disprezzo per le autorità e per le donne è pari solo alla sua arroganza. Mercoledì un ragazzo afgano di 19 anni, è stato accompagnato al Tribunale di Sarine, nel canton Friborgo, sotto scorta della polizia perché non si è presentato da solo. Inoltre, quando il proprietario della casa dove vive gli ha fatto notare che era atteso per un'udienza, ha risposto: "Non me ne frega niente". Eppure la lista dei reati di cui è accusato è infinita, dalla violazione di domicilio al semplice danno fisico alla coercizione.

Come riporta il portale "20 minutes" quando il giudice gli ha commiato una multa per l'uso di cannabis, l'imputato si è lamentato che "qui si deve pagare tutto". Quando gli fu chiesto perché avesse violato per quattro volte il divieto di recarsi nel centro di Friborgo, rispose che voleva comprare dello yogurt e non sapeva che era disponibile altrove. Il giudice era infastidito dal suo atteggiamento e alla fine ha detto: "Non mi prenderesti per pazzo, vero?" E lui ha detto: "Non lo so".

Tuttavia, è stato soprattutto quello che ha fatto alla sua ex fidanzata, una ragazza oggi 17enne, che lo ha portato a finire sotto processo. Il giovane afgano seguiva la ragazza ovunque si recasse, a scuola e si era perfino introdotto dentro casa della giovane. Inoltre, l'aveva ripetutamente colpita, minacciata e insultata. "Ho costantemente paura. Continuo a girarmi per strada, a prendere altri autobus e a scendere dall'ascensore ad altri piani, per paura che lui possa essere lì ad aspettarmi", testimonia la giovane donna, che è sotto le cure di uno psichiatra. Da parte sua, il giovane ha spiegato: "Volevo solo farla stare meglio". Mentre gli eventi per i quali la sua vittima ha presentato una denuncia si sono verificati all'inizio di quest'anno, il suo avvocato ha sottolineato durante l'udienza che la ragazza aveva subito queste molestie per tre anni.

Inoltre, una sera di febbraio, ha messo all'angolo un'altra donna che si trovava da sola in un parcheggio. Le ha fatto delle avances sessuali e l'ha palpeggiata. Alla fine è riuscita a respingerlo, ma ora è traumatizzata. Alla dichiarazione dei fatti, il giovane ha detto: "Ebbene, cosa? Non è un crimine toccare una donna e chiederle di ballare. Così è la vita". Per tutte queste accuse, il Ministero pubblico ha chiesto 5 mesi di carcere e una multa di 500 franchi. Il verdetto sarà reso la prossima settimana.

Guarda anche 

Svitto, 58 bambini in quarantena dopo il ritorno sui banchi

Pochi giorni di scuola e...scatta la quarantena. È accaduto a Svitto, dove 58 bambini di asilo ed elementari e dieci adulti sono stati messi in quarantena dopo la ...
14.08.2020
Svizzera

Coronavirus, in Svizzera 268 casi in un giorno

Terzo giorno consecutivo sopra i duecento contagi in Svizzera. Come riferito dall'Ufficio federale della sanità pubblica, sono 268 i contagi registrati nelle u...
14.08.2020
Svizzera

Al via il progetto per sviluppare un dispositivo in grado di testare la presenza di Covid-19 in tempo reale

L’analisi del virus SARS-CoV-2 implica procedure complesse e tempi di attesa importanti. Il progetto MicroCoVSens mira alla realizzazione di un dispositivo porta...
13.08.2020
Svizzera

Coronavirus: la situazione in Svizzera

Non si arresta la crescita di nuovi contagi da coronavirus in Svizzera. Nelle ultime 24 ore – riferisce l'Ufficio federale della sanità pubblic...
13.08.2020
Svizzera