Svizzera, 06 luglio 2020

Aggredito mentre urina su un muro, la Suva gli taglia le indennità per infortunio

Il Tribunale federale conferma la riduzione delle indennità per infortunio della Suva per un giovane che aveva urinato su un muro per poi essere violentemente aggredito da uno sconosciuto, rimediando una fattura cranica.

Durante la Festa della Vendemmia del 2017 a Neuchâtel, il giovane si era appartato per urinare contro un muro. In quel momento giunge uno sconosciuto che lo interpella e, dopo uno scambio di insulti, gli rifila due violenti colpi alla testa.

L'Istituto nazionale svizzero d'assicurazione contro gli infortuni (Suva) aveva ridotto le sue prestazioni del 50%, ritenendo che la vittima avesse partecipato a una rissa. In concreto, l'assicuratore aveva ritenuto che il giovane avesse avuto un ruolo nel corso degli eventi, assumendo un atteggiamento che poteva provocare una reazione violenta da parte del suo avversario.

Con una sentenza emessa lunedì, il Tribunale conferma la decisione della Suva. Secondo i giudici di Mon Repos nel caso concreto ci sono le condizioni per una riduzione delle prestazioni: la vittima è entrata in una "zona di pericolo" e il danno subito è stato causato anche in parte al suo comportamento.

In concreto, il 1° Tribunale di Diritto Sociale rileva che il giovane aveva reagito alla prima affermazione del suo aggressore dicendogli di "andare a pisciare altrove" e inoltre durante lo scambio tra i due la vittima si era avvicinata al suo aggressore e lo aveva minacciato.

A questo punto, la vittima non poteva più ignorare il fatto che ulteriori scambi verbali potevano portare a un'escalation di violenza. I tribunali di Neuchâtel hanno quindi potuto concludere che il suo comportamento è stato la causa principale delle lesioni subite.

Guarda anche 

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera

Le avevano tolto il passaporto svizzero ma le concedono il permesso di soggiorno

Il Tribunale amministrativo federale concesso un permesso di soggiorno a una donna di origine svizzera e a sua figlia, nonostante che la madre non avesse più il pa...
15.10.2020
Svizzera

Un'adolescente ritrovata senza vita a casa di un quarantenne con cui aveva una relazione

Un'adolescente è stata ritrovata senza vita il 12 settembre scorso nell'appartamento di un uomo di 40 anni a Le Landeron, nel canton Neuchâtel. La vi...
12.10.2020
Svizzera