Svizzera, 26 giugno 2020

Condannato un uomo che aveva rapito la nipote per riportarla al suo paese d'origine

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un uomo che aveva rapito la nipote per riportarla con la forza sua nipote in Kosovo. Contro la volontà della famiglia, la ragazza aveva una relazione con un uomo di un'altra origine.

L'uomo è quindi stato condannato a 30 mesi di reclusione, di cui nove da scontare, per rapimento e sequestro aggravato e per violazione della legge sulle armi. Nel marzo 2014, aveva ingannato l'allora diciannovenne nipote per farla venire a casa sua.

A casa sua, le aveva servito un tè freddo nel quale aveva sciolto un sedativo. La ragazza era stata quindi caricata nell'auto del padre e portata a casa dei nonni materni in Kosovo per essere sottoposta a "incantesimi". Era rimasta lì per 15 giorni prima di essere trovata dalla polizia locale, che era stata allertata dalle autorità svizzere.

n una sentenza pubblicata giovedì, il Tribunale federale ha respinto le argomentazioni dello zio che chiedeva l'assoluzione. Si sottolinea che le prove - varie testimonianze, la confessione parziale del padre, un'analisi tossicologica, le dichiarazioni degli agenti di polizia che hanno visitato la casa, una perquisizione e controlli telefonici - confermano la versione della vittima.

Nonostante il ricorrente avesse lasciato il Kosovo il giorno dopo il suo arrivo, la condanna per aggressione aggravata era giustificata. In effetti, il rapimento della ragazza è durato più di dieci giorni, lo zio ha avuto un ruolo chiave nel rapimento e sapeva che l'idea era quella di trattenerla fino a quando non avesse rinunciato alla sua storia d'amore.

Lo zio ha anche invocato la pena più clemente - 24 mesi di sospensione condizionale - inflitta al padre della vittima. Il Tribunale penale sottolinea che il ricorrente, a differenza del cognato, ha costantemente "negato le prove" nonostante l'accumulo di prove. Il suo atteggiamento dimostra che non ha cambiato la sua mentalità e non si è pentito di quanto ha fatto.

Guarda anche 

Sono almeno 30 i detenuti in attesa di espulsione rilasciati a causa della pandemia

In una sentenza pubblicata questa settimana Tribunale federale ha nuovamente rimproverato il Cantone di Zurigo, ordinando all'Ufficio federale della migrazione di Zur...
31.07.2020
Svizzera

Condannati in 10 per lo stupro di gruppo di una ragazza in Germania

La giustizia tedesca ha condannato giovedì otto uomini, la maggior parte dei quali rifugiati, a diversi anni di prigione per lo stupro di gruppo di una giovane don...
24.07.2020
Mondo

Se i genitori sono in disaccordo sulla vaccinazione dei figli, le autorità possono imporla

In una sentenza pubblicata mercoledì, il secondo tribunale civile ha detto che i genitori dovrebbero lavorare insieme per risolvere le questioni relative ai bambin...
16.07.2020
Svizzera

Richiedenti l'asilo fanno ricorso perchè non hanno ricevuto la paghetta, "giusto così"

Il Tribunale amministrativo federale ha respinto il ricorso di una famiglia di richiedenti l'asilo macedoni privati della paghetta durante il loro soggiorno in Svizze...
16.07.2020
Svizzera