Svizzera, 26 giugno 2020

Condannato un uomo che aveva rapito la nipote per riportarla al suo paese d'origine

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un uomo che aveva rapito la nipote per riportarla con la forza sua nipote in Kosovo. Contro la volontà della famiglia, la ragazza aveva una relazione con un uomo di un'altra origine.

L'uomo è quindi stato condannato a 30 mesi di reclusione, di cui nove da scontare, per rapimento e sequestro aggravato e per violazione della legge sulle armi. Nel marzo 2014, aveva ingannato l'allora diciannovenne nipote per farla venire a casa sua.

A casa sua, le aveva servito un tè freddo nel quale aveva sciolto un sedativo. La ragazza era stata quindi caricata nell'auto del padre e portata a casa dei nonni materni in Kosovo per essere sottoposta a "incantesimi". Era rimasta lì per 15 giorni prima di essere trovata dalla polizia locale, che era stata allertata dalle autorità svizzere.

n una sentenza pubblicata giovedì, il Tribunale federale ha respinto le argomentazioni dello zio che chiedeva l'assoluzione. Si sottolinea
che le prove - varie testimonianze, la confessione parziale del padre, un'analisi tossicologica, le dichiarazioni degli agenti di polizia che hanno visitato la casa, una perquisizione e controlli telefonici - confermano la versione della vittima.

Nonostante il ricorrente avesse lasciato il Kosovo il giorno dopo il suo arrivo, la condanna per aggressione aggravata era giustificata. In effetti, il rapimento della ragazza è durato più di dieci giorni, lo zio ha avuto un ruolo chiave nel rapimento e sapeva che l'idea era quella di trattenerla fino a quando non avesse rinunciato alla sua storia d'amore.

Lo zio ha anche invocato la pena più clemente - 24 mesi di sospensione condizionale - inflitta al padre della vittima. Il Tribunale penale sottolinea che il ricorrente, a differenza del cognato, ha costantemente "negato le prove" nonostante l'accumulo di prove. Il suo atteggiamento dimostra che non ha cambiato la sua mentalità e non si è pentito di quanto ha fatto.

Guarda anche 

Chiamano la polizia per una rapina in un negozio, ma stanno girando un video

Nell'agosto 2020 a Losanna, un passante aveva segnalato alla polizia di una rapina in corso in un negozio di alimentari. Poco dopo, quattro pattuglie di polizia e due...
22.07.2021
Svizzera

Aveva causato un incidente in cui morì un passeggero, condannato a 5 anni di carcere

Un automobilista residente nel canton Zurigo dovrà scontare più di 5 anni di carcere per aver causato un incidente in cui morì uno dei passeggeri con...
20.07.2021
Svizzera

Uccise il compagno perchè non voleva più sposarsi, condannata a 7 anni di carcere e espulsione

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di una donna che aveva ucciso il suo compagno a coltellate nel settembre 2018 a Veyras, nel canton Vallese. I due, 40enne cit...
15.07.2021
Svizzera

Gerente rubava dal negozio in cui lavorava, dovrà risarcire quasi due milioni di franchi

La gerente del reparto alimentare di un grande magazzino di Ginevra è stata ritenuta colpevole mercoledì di aver rubato dalla cassa per più di nove a...
08.07.2021
Svizzera