Svizzera, 10 giugno 2020

Sospettato di omicidio, lo lasciano tornare al suo paese

Un processo per omicidio si è aperto, pochi giorni fa nel comune zurighese di Meilen, senza uno dei due principali sospettati, un cameriere colombiano di 31 anni. L'uomo, insieme a un complice, è sospettato di aver ucciso una donna tedesca di 73 anni con l'aiuto di un operaio di 37 anni nel 2016 a Küsnacht. L'omicidio della donna in pensione è stato presumibilmente sponsorizzato da sua figlia, la quale avrebbe pagato 300'000 franchi ai due uomini come ricompensa.

Secondo quanto riporta il "TagesAnzeiger", il 31enne si trova attualmente in Colombia, il suo paese di origine. Dopo essere stato arrestato nel marzo 2018, è stato rilasciato dalla detenzione preventiva dopo un anno e una volta in libertà sarebbe tornato al suo paese d'origine, facendo perdere le sue tracce. Il giornale zurighese ricorda che un sospetto può essere posto e tenuto in detenzione preventiva solo a determinate condizioni: che è fortemente sospettato di aver commesso un crimine o che esiste il rischio che possa eludere un procedimento penale fuggendo, compromettendo la l'inchiesta influenzando le persone o alterando le prove e compromettendo seriamente la sicurezza degli altri da crimini o reati gravi dopo aver commesso in precedenza reati simili.

Il Tribunale Federale in questo
caso ha infatti ritenuto che non vi era la certezza se e come il cameriere avesse preso parte all'omicidio della 73enne. Perché al momento, il sistema giudiziario ha solo indicazioni, ma nessuna prova concreta. Sulla scena del crimine, gli investigatori hanno trovato solo il DNA dell'operaio, non quello del cameriere. Tra gli indici che incriminano il 31enne ci sono i dati dal suo telefono cellulare. La notte dell'incidente, il cameriere e l'operaio si sono chiamati più volte tra le 12:58 e le 2:30. Alle 3:30 del mattino, i due cellulari si sono disconnessi dalla rete prima di riconnettersi a pochi minuti l'uno dall'altro intorno alle 5:30 del mattino nel quartiere Zurigo-Seefeld, non lontano dalla scena del crimine. L'autopsia della vittima ha anche rivelato che è morta tra le 3:30 e le 5:30 del mattino, che è la fascia oraria durante la quale gli uomini hanno spento il loro telefono. La notte degli eventi e le notti seguenti, i due uomini sono stati anche ripresi dalla telecamera di sorveglianza di un locale di Zurigo divertendosi a spendere migliaia di franchi.

Secondo il "TagesAnzeiger", l'uomo potrebbe non dover mai scontare la pena. Perché in Svizzera le sanzioni pronunciate da un tribunale sono soggette a prescrizione anche se non sono state espiate.

Guarda anche 

Aveva decapitato la nonna ma non sarà giudicato, "non è responsabile delle sue azioni"

Il giovane che nel 2018 aveva strangolato, pugnalato e decapitato sua nonna a Frauenfeld, nel canton Turgovia, è stato giudicato responsabile delle sue azioni. La ...
19.09.2020
Svizzera

L'accoltellamento di Morges era un attentato terroristico, "vendetta contro lo Stato svizzero"

L'autore presunto dell'accoltellamento di Morges (vedi articoli correlati) era sotto osservazione dalla polizia federale per possibili legami con il terrorismo is...
17.09.2020
Svizzera

Un uomo pugnalato a morte a Morges, arrestato il presunto autore

Un uomo è stato accoltellato a morte sabato sera in un ristorante di Morges, nel canton Vaud. Il presunto aggressore, che aveva fatto perdere le sue tracce, &egrav...
13.09.2020
Svizzera

Strangola la ragazza in Spagna e si fa passare per lei su Internet, lo ritrovano in Svizzera

Giovedì mattina la polizia cantonale di Ginevra ha messo fine alla fuga di un colombiano residente in Spagna sospettato di aver ucciso la sua ragazza. L'uomo, ...
04.09.2020
Svizzera