Svizzera, 06 giugno 2020

Accusati di aver ucciso il figlio neonato, 6 anni di carcere per il padre e assolta la madre

Il Tribunale criminale di Losanna si doveva pronunciare sul sordido omicidio di un neonato di 11 mesi, morto a causa delle percosse subite. Alla sbarra si presentavano i genitori, una coppia di congolesi. Per la Corte, il padre ha agito da solo, anche prima della tragedia e questo, dal 9 settembre 2016, mentre Yusuf, molto prematuro, può finalmente tornare a casa dopo sette mesi di ricovero dovute a molteplice fratture di braccia e alle spalle, unghie strappate, graffi, contusioni e tremori.


Se gli esperti medici non sono stati in grado di dire quale dei due genitori abbia aggredito il piccolo, sono stati in grado di confermare la diagnosi del bambino scosso e soprattutto di dire quando il bambino ha subito il colpo fatale: da pochi minuti a poche ore prima della chiamata del padre alle 144 alle 17:42 In altre parole, stabilirono categoricamente la fascia oraria tra le 14:00 e le 17:40 durante le quali il bambino rimase solo con suo padre, mentre sua madre era andata dal parrucchiere. Di conseguenza, appare plausibile per gli inquirenti che il padre abbia agito da solo all'insaputa della partner.

Tenendo conto di una riduzione media della responsabilità significativa e di un alto rischio di recidiva, il padre è stato condannato a una pena di 6 anni di carcere per omicidio per negligenza, esposizione, lesioni personali gravi, lesioni personali semplici qualificate e violazione dell'obbligo di soccoso. Una condanna che è la metà di quanto aveva richiesto il procuratore per omicidio, ovvero la reclusione di 12 anni.

D'altra parte, pronunciano un'espulsione dal territorio svizzero per un periodo di 15 anni, il massimo previsto dalla legge. Questa sanzione include anche il secondo caso denunciato contro l'imputato. Nel maggio 2018, rilasciato un mese dopo la morte del piccolo, l'uomo, che di mestiere faceva l'assistente infermieristico in una casa per anziani, aveva bruciato un residente con ustioni di secondo grado durante una doccia.

Contrariamente a quanto sostenuto dal pubblico ministero, ossia che i genitori erano presumibilmente coautori, il tribunale penale ha invece esonerato la madre, che aveva sempre contestato di aver aggredito il figlio. Alla luce delle tragiche circostanze, i giudici hanno scelto di esonerarla dalle accuse di negligenza come violazione del dovere di assistenza o istruzione. È stata anche liberata dalle pesanti accuse di omicidio per negligenza, gravi lesioni personali e semplice lesione corporale, contro il giudizio del procuratore che aveva richiesto 6 anni di carcere nei suoi confronti. La giovane donna, anch'essa badante, era stata anche licenziata per aver ricevuto e trasferito tramite WhatsApp tre video di atti sessuali con bambini, un video di estrema violenza e un video di abusi sui minori. L'accusa aveva quindi mantenuto la rappresentazione della violenza e della pornografia. Per questo, è stata condannata al pagamento di 15 aliquote giornaliere a 30 franchi, condanna sospesa per due anni.

Guarda anche 

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera

Le avevano tolto il passaporto svizzero ma le concedono il permesso di soggiorno

Il Tribunale amministrativo federale concesso un permesso di soggiorno a una donna di origine svizzera e a sua figlia, nonostante che la madre non avesse più il pa...
15.10.2020
Svizzera

Frontaliera uccide il datore di lavoro prima di fuggire oltre confine

Martedì scorso un uomo di sessant'anni è stato trovato morto sul pavimento della sua abitazione di Montreux, nel canton Vaud. Secondo le prime indagini,...
15.10.2020
Svizzera