Svizzera, 04 giugno 2020

Per il Tribunale federale la pandemia non giustifica la liberazione di un detenuto

La pandemia di coronavirus non giustifica il rilascio di una persona in detenzione preventiva, secondo il Tribunale federale, a condizione che le raccomandazioni dell'OMS e dell'UFSP siano rispettate nella struttura. In una sentenza pubblicata mercoledì la Corte Federale ha ribadito questo principio a seguito del ricorso di un uomo detenuto per motivi di sicurezza presso la Prison des Îles di Sion.

In attesa di una sentenza definitiva relativa ad atti sessuali contro minori, il richiedente aveva chiesto la sua liberazione immediata per ogni tipo di motivo, incluso un aumento del rischio per la sua salute derivante dalla sua detenzione.

La giustizia vallesana aveva già respinto la sua richiesta poiché l'uomo non ha mai sofferto di problemi di salute, oltre a un esaurimento e un'influenza nel
2012. Allo stesso modo, non ha fornito alcuna prova della presenza del virus nello stabilimento dov'è detenuto o un rischio particolare di contrare la malattia.

In generale, ricorda che "la detenzione preventiva deve finire quando il suo effetto sull'imputato non è in una relazione ragionevole con il suo scopo". In ogni caso, dovrebbe essere soppesato un equilibrio di interessi, tra lo scopo della detenzione da un lato, i rischi per la salute e le possibilità di trattamento in carcere dall'altro. In generale, la pandemia di coronavirus non impedisce la detenzione preventiva o di sicurezza. A condizione che vengano rispettate le linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), specificano i giudici federali.

Guarda anche 

Covid sul ghiaccio: sospesa l’amichevole dei Rockets

BIASCA - Un caso di Covid-19 ferma i Ticino Rockets: l’esito del tampone è giunto mentre i biaschesi erano in pista in amichevole contro l’EVZ Academy....
17.09.2020
Sport

Bufera sul calcio: via libera a schierare giocatori positivi

ASUNCION (Paraguay) – Una decisione clamorosa che non può che far discutere: mentre gli stadi restano per la maggior parte chiusi, o vengono riaperti sono in...
18.09.2020
Sport

Una virologa cinese in esilio sostiene che il Covid-19 è stato creato in un laboratorio di Wuhan

Il Covid-19 è stato creato in un laboratorio di Wuhan. Ne è convinta la dottoressa Li-Meng Yan, una scienziata cinese, in un'intervista al programma tel...
13.09.2020
Mondo

“Le partite con la mascherina? Facciamolo con responsabilità”

“Ci vorrà la massima collaborazione e responsabilità parte di tutti gli spettatori e tifosi. Solo così si potranno portare avanti le gra...
08.09.2020
Sport