Svizzera, 25 maggio 2020

Il 40% dei ristoranti che hanno riaperto a rischio chiusura, "regole troppo severe"

Dall'11 maggio a oggi circa tre quarti dei bar e ristoranti hanno riaperto i battenti, afferma domenica in un comunicato l'associazione mantello della gastronomia GastroSuisse. Il fatturato medio della prima settimana mostra in media un calo del 60% rispetto alla stessa settimana del 2019. Due stabilimenti su 5 temono per la loro sopravvivenza se il calo di fatturato si confermasse nelle prossime settimane.

GastroSuisse ha condotto un sondaggio online dei suoi membri sette giorni dopo la riapertura autorizzata l'11 maggio scorso. "Le risposte dipingono un quadro cupo", commenta il presidente di GastroSuisse Casimir Platzer, citato nel comunicato stampa. "Senza ulteriore flessibilità, molti locali dovranno chiudere di nuovo a giugno, perché l'apertura non è affatto redditizia". GastroSuisse chiede un ulteriore rilassamento delle regole data l'attuale situazione epidemiologica.

Il sondaggio mostra che il calo delle entrate è spiegato dalle condizioni imposte. Tra le misure più restrittive agli occhi
dei ristoratori vi sono innanzitutto la distanza minima tra i tavoli e la limitazione a quattro persone dei gruppi di clienti.

"La maggior parte degli stabilimenti sono stati costretti a ridurre il numero di posti a sedere dal 35 al 65% a causa delle condizioni imposte", ha affermato il presidente di GastroSuisse. Molti stabilimenti chiedono anche di essere in grado di estendere le loro terrazze "senza formalità eccessive".

Per l'assocazione mantello dei ristoratori l'apertura in questo contesto genera costi aggiuntivi. Per coloro che rinunciano alla riapertura, le ragioni sono diverse. Tra questi c'è l'impossibilità di essere redditizi con le restrizioni attuali. Hanno assolutamente bisogno di prospettive, sostiene GastroSuisse. Inoltre, quasi il 90% dei ristoranti ispezionati ha rispettato le restrizioni in vigore, osserva Gastro Suisse. La maggior parte della negligenza potrebbe essere risolta mediante adeguamenti. Solo due casi, ovvero lo 0,4% dei controlli, sono stati oggetto di una sanzione.

Guarda anche 

Sanvido: "Il Cantone aiuti le persone ferite dal vaccino contro il coronavirus"

Il Cantone dovrebbe garantire l'assistenza medica alle persone ferite dal vaccino contro il coronavirus, possibilmente aprendo un punto di contatto apposito. È...
14.09.2023
Ticino

Camerieri con salari da manager a Zurigo, fino a 16'000 franchi al mese

Attualmente, gli attori della ristorazione si trovano confrontati a una carenza di personale e alcuni hanno scelto di ridurre il menu o gli orari di apertura per essere i...
28.08.2023
Svizzera

La nuova “miss Coronavirus” dell'UFSP giudicata troppo vicina all'industria farmaceutica

La nomina della nuova responsabile della Divisione malattie trasmissibili dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) suscita critiche ancora prima dell...
16.12.2022
Svizzera

3'000 hotel e ristoranti a rischio chiusura a causa del rincaro dell'elettricità, avverte GastroSuisse

Migliaia di hotel e ristoranti sono a rischio di estinzione secondo una stima dell'associazione mantello GastroSuisse riportata sabato da "Schweiz am Wochenen...
09.10.2022
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto