Svizzera, 21 maggio 2020

A beneficio dell'assistenza sociale, spende 10'000 franchi per rifarsi il seno

La legge in merito è cristallina: l'assistenza sociale è per le persone che non possono sostenersi e che non ricevono aiuto da altri. Qualsiasi assistenza finanziaria ricevuta da terzi è considerata reddito e deve essere dichiarata alle autorità. Una donna bernese di 47 anni che non ha rispettato questa regola dovrà ora pagarne le conseguenze, come riferisce il "Berner Zeitung".

La donna, attiva come pittrice, è stata al beneficio dell'assistenza sociale tra luglio 2013 e dicembre 2017 e durante questo periodo, aveva ricevuto da parenti una volta 1'000 franchi e in una seconda occasione 3'200 franchi, senza dichiarare nulla alle autorità. La donna, inoltre, non aveva comunicato di aver ricevuto da un'agenzia artistica 10'000 franchi per rifarsi il seno.

Dopo essere stata scoperta, all'artista è stato ordinato di rimborsare 13'200 franchi per aver percepito indebitamente aiuti dall'assistenza sociale. La donna ha fatto ricorso contro questa sentenza, ma sia la prefettura che il tribunale amministrativo cantonale lo hanno respinto. Ma la pittrice non si è data per vinta e si è quindi appellata al Tribunale federale per un'ennesima, e finale, sentenza.

Interrogata dai giudici, la donna non ha negato di aver ricevuto le somme sopra menzionate. Ha detto, tuttavia, che i 10'000 franchi offerti per la chirurgia estetica non erano altro che un modo per vendersi meglio sul mercato artistico, sostenendo che dopo l'operazione era riuscita a vendere un dipinto.

Ma la giustificazione non ha convinto la Corte. I giudici di Mon-Repos hanno infine confermato la condanna pronunciata nei precedenti procedimenti in quanto non hanno ritenuto che un seno rifatto fosse una misura giustificata per un rilancio professionale. La donna dovrà quindi rimborsare i soldi ricevuti dai parenti e dall'agenzia artistica.

Guarda anche 

Bancomat fatto saltare in aria, il terzo in pochi giorni

Nel canton Berna è stato fatto saltare in aria l'ennesimo distributore di banconote. Gli abitanti del comune di Büren an der Aare hanno allertato la poliz...
01.10.2020
Svizzera

Voleva aprire ditta ma dovrà prima restituire più di 260'000 franchi all’assistenza

Dopo più di nove anni di assistenza sperava di iniziare un’attività indipendente grazie a un anticipo di eredità versatogli dal padre. Invece q...
01.10.2020
Svizzera

I diplomatici stranieri in Svizzera non pagano quasi mai le multe

I diplomatici stranieri presenti in Svizzera non esitano ad avvalersi dell'immunità diplomatica per evitare le conseguenze legali delle loro azioni. Perlome...
29.09.2020
Svizzera

Gli attivisti per il clima non rispettano l'ultimatum e continuano ad occupare illegalmente Piazza Federale

Gli attivisti per il clima che attualmente occupano Piazza Federale non hanno rispettato l'ultimatum della Città di Berna e del Parlamento di sgomberare e di c...
22.09.2020
Svizzera