Svizzera, 16 maggio 2020

Poliziotto condannato per essere andato troppo veloce durante un inseguimento

Un agente di polizia della polizia cantonale vodese è stato condannato in appello a pagare una multa per essere andato troppo veloce durante un inseguimento.

Nel giugno 2017, questo poliziotto, in servizio nella regione di Morges, aveva inseguito una VW Golf rubata da un garage a Crissier (VD) pochi minuti prima che si stava dirigendo verso il centro della cittadina vodese. Prima di perdere la traccia dei fuggitivi alle porte di St-Prex (VD), il poliziotto era stato flashato da un radar mentre guidava a 105 k /h invece dei 50 autorizzati.

Per questo, l'uomo era stato condannato per la prima volta lo scorso agosto per una grave violazione qualificata delle norme della legge sul traffico stradale, prima di essere definitivamente assolto a dicembre dinanzi al tribunale distrettuale di La Côte. Una decisione a cui Eric Cottier, il procuratore generale di Vaud, si era opposto, come recentemente rivelato dal portale "24 heures", dando origine a un nuovo processo lo scorso venerdì.

Secondo il magistrato, la condizione prevista da una recente modifica della legge sulla circolazione stradale che consente alla polizia di essere esentata da sanzione durante una corsa urgente, vale a dire che il conducente "ha mostrato la prudenza imposta dalle circostanze" in questo caso non è stato rispettato.

Un'opinione che ha infine condiviso anche la Corte d'appello della Corte cantonale del canton Vaud che ha quindi condannato questo giovedì il poliziotto vodese al pagamento di una multa di 600 franchi e a sanzione pecunaria sospesa per due anni di 100 aliquote giornaliere di 60 franchi.

Il suo avvocato ha già annunciato che farà ricorso al Tribunale federale. "Il mio cliente prova sentimenti di amarezza, delusione e preoccupazione per la polizia a seguito di questa decisione. Ha l'impressione che gli sia stato impedito di esercitare la sua professione ", ha deplorato l'avvocato del condannato per il quotidiano "La Côte", ripreso da "Le Matin".

Guarda anche 

Giovane musulmana rasata a zero per una relazione con un cristiano, i famigliari andranno in carcere

I genitori, lo zio e la zia della giovane ragazza musulmana picchiata e rasata a zero perché usciva con un giovane cristiano serbo (vedi articoli correlati), sono ...
24.10.2020
Mondo

Insulta un cacciatore ubriaco che gli aveva puntato il fucile addosso, condannato per calunnia

Un cacciatore ubriaco lo prende di mira con il fucile, lui per tutta risposta lo insulta (su Facebook) e per questo è stato condannato. È successo a un escu...
21.10.2020
Svizzera

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera