Svizzera, 07 maggio 2020

Non sarà obbligatorio lasciare i dati di contatto al ristorante

Il Consiglio Federale cede di un passo: se qualcuno non vorrà fornire i propri dati per andare a mangiare al ristorante, non sarà obbligato a farlo. Le normative per una riapertura di bar e ristoranti sono senza dubbio complesse e il fatto che l’ordinanza federale non sarà resa nota prima di domani complica notevolmente il lavoro di chi può ripartire da lunedì.

Il Ticino stesso aveva segnalato varie criticità, tra cui quella più sentita era relativa alla privacy. Anche molti avventori ticinesi, da quando si sa che si dovranno lasciare nome, cognome e numero di telefono per mangiare o bere qualcosa, sembrano meno propensi a tornare in bar e ristoranti che saranno comunque diversi da quelli che hanno sempre conosciuti, ovvero niente giornali, distanziamento sociale e non più di quattro persone per tavolo. “L’aperitivo lo faccio a casa una volta a casa mia e una volta a casa di un amico”, afferma qualcuno. “Ordino una pizza e ce la dividiamo con le amiche a casa mia, oppure cucino io”, dice qualcun altro.

Ma adesso, annuncia attraverso i social Massimo Suter, qualcosa si è riusciti a ottenere. GastroSuisse ha trattato con Berset.

“Dopo un estenuante lavoro di convincimento sulla impraticabilità di una regola assurda, sono felice di comunicare che GastroSuisse ha ottenuto dopo una riunione con il
consigliere federale Berset quanto segue:

I dati personali del punto 10 del concetto di protezione sono adeguati come segue:

• Il settore della ristorazione deve (solo) consentire la registrazione dei dati di contatto.
• MA: l'ospite non è tenuto a fornire i propri dati di contatto. L'ospite può decidere volontariamente se desidera farlo”.
Dunque, chi vorrà lascerà nome e cognome, chi non vorrà no.

Niente da fare, invece, per i giornali, l'Ufficio Federale della Sanità è stato perentorio: nemmeno coi guanti sarà possibile averli, il che abbatte certamente una delle abitudini degli avventori.

In molti si chiedono anche se, in caso di non riapertura perchè a causa delle norme non conviene, nel senso che si perderebbero troppi posti a sedere e dunque non si raggiungerebbe una cifra atta alla sopravvivenza, saranno ancora garantiti gli aiuti stanziati ad hoc per il Covid. "Non è ancora accettato formalmente, ma vi è una intesa di principio ove dimostrato che la non apertura è direttamente riconducibile alla emergenza e di conseguenza alle sue misure restrittive del Covid19 si possa continuare a far capo all’ILR. Negli altri casi vi è un comunque possibilità (garantito per legge) di ILR “normale”, ha spiegato Suter. 

Guarda anche 

Addio alla mascherina all'aperto da fine mese?

Lunedì 28 giugno 2021, il Consiglio federale intende procedere a ulteriori allentamenti. Tra questi, la revoca dell’obbligo della mascherina all’ape...
11.06.2021
Svizzera

Coronavirus in Svizzera, il bollettino nazionale

In Svizzera, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 354 nuovi contagi da coronavirus. Un dato – fa sapere l'Ufficio federale della sanità pubblica &n...
11.06.2021
Svizzera

I parlamentari a Berna dovranno rivelare le loro nazionalità. Greta Gysin è contrariata

Con 115 voti contro 64, il Consiglio nazionale ha approvato ieri una modifica dell’ordinanza sull’amministrazione del parlamento, che prevede che in futuro i ...
11.06.2021
Svizzera

Ada Marra chiede che le persone in assistenza non debbano più rimborsare gli aiuti ricevuti

"Per combattere la povertà, alcuni criteri di accesso all'assistenza sociale devono essere rivisti. La consigliera nazionale socialista Ada Marra ha prese...
11.06.2021
Svizzera