Opinioni, 07 maggio 2020

"Il paziente zero e la leadership del pianeta"

*Di Raoul Bettosini

Si parla dalla mattina alla sera di questo VIRUS. Qual’è la posta in gioco nella sfida planetaria, perché quella che stiamo vivendo è una partita assai più politica ed economica che sanitaria. È in gioco la leadership dell’intero pianeta; leadership che il partito comunista cinese si avvia a vincere con forza, spregiudicatezza e sprezzo del pericolo.

L’epidemia è partita dalla Cina che quindi può essere considerata il “paziente zero” di tutta questa storia. A rigore avrebbe dovuto finire all’indice del mondo intero, ma invece il suo gruppo dirigente riesce a trasformare una “COLPA” in una cavalcata trionfale. Quei pochi che hanno tentato di disturbare il manovratore, ad esempio quei medici che hanno parlato del Virus sono stati zittiti e posti in condizione di non nuocere, spesso con metodi per nulla democratici. Quindi il potere imperiale e comunista si è dispiegato in tutta la sua potenza, consentendogli di annunciare molto presto la fine dell’emergenza, mentre nel mondo si arranca tra incertezze, sarcasmo e paura. L’ampio utilizzo di tecnologia e big data stanno facendo scempio di ogni più elementare diritto di privacy dei cittadini.

Tutto è nelle mani dello Stato che potrà farne ciò che vuole. La Cina, potenzialmente l’untore del pianeta, è diventata la soluzione al problema. È una vittoria culturale per la Cina che si nobilita e avvilisce gli altri. Tornando al nostro piccolo orticello è evidente che economicamente è impossibile, per molte attività, resistere per più settimane ancora senza fatturare o solo parzialmente fatturare. La catena dei pagamenti rischia di trascinare a fondo tutti. Si avranno meno posti di lavoro quindi disoccupazione, minore gettito fiscale e ci avvicineremo a rapidi passi verso il burrone del fallimento collettivo. Quindi è lo Stato e per esso la politica che devono evitare, nel limite del possibile, che ciò avvenga senza tentennamenti e giochi partitici. Non propaganda ma fatti.

Eviti la politica di generare frustrazione, risentimento e rabbia sociale. I cittadini consapevoli e responsabili faranno la loro parte. Il problema non sarà solo superare l’emergenza quanto uscire dal probabile arresto della crescita e dello sviluppo economico, ristagno. Veda la politica ed i politici di non deviare l’attenzione dalle criticità sotto gli occhi di tutti e rispondere alle esigenze delle classi produttive che purtroppo dipendono pure dalla macchina burocratica e spesso improduttiva dello Stato.

*Lettore

Guarda anche 

Impariamo dal passato recente in febbraio e si inizi a controllare le dogane. I mezzi oggi li abbiamo

Se a febbraio avessimo controllato la temperatura corporea degli utenti come sostenuto con atti parlamentari dal sottoscritto e dall'On. Quadri (CN) da subito le entr...
22.10.2020
Opinioni

Il richiamo ancestrale del gregge

È il tempo di branchi, stormi, mandrie e di riposizionamenti. A cosa obbedisce lo spirito di massa o di intruppamento? Migrano verso Nord decine di specie di uccel...
06.10.2020
Opinioni

In gioco non ci sono solo gli aerei, bensì l'esercito

Il 27 settembre, su cinque oggetti in votazione, due sono determinanti per il futuro della Svizzera: l’iniziativa per la limitazione (dell’immigrazione) ed i ...
24.09.2020
Opinioni

No a una legge della caccia inaccettabile

Negli ultimi giorni il dibattito sulla legge sulla caccia in votazione il prossimo 27 settembre 2020 sta creando forti opposizioni tra i favorevoli e contrari e i toni si...
24.09.2020
Opinioni