Mondo, 27 aprile 2020

Licenziati in 406 in una teleconferenza di due minuti

Una startup con sede in California, che ha recentemente ottenuto un notevole successo come un popolare servizio di noleggio di scooter elettrici in molte città degli Stati Uniti sembra aver stabilito il triste record del più gran numero di licenziamenti nel minor tempo.

La società, che si chiama Bird e che ha sede a Santa Monica, ma con filiali e migliaia di dipendenti a livello nazionale, ha invitato 406 dei suoi dipendenti a partecipare a quella che la società aveva definito un "meeting di lavoro" sulla piattaforma di teleconferenza Zoom, lo scorso 27 marzo.

"Una volta che i dipendenti hanno effettuato l'accesso alla riunione a senso unico, la voce di una donna ha iniziato a leggere un testo redatto in precedenza, informando i partecipanti che erano stati tutti licenziati. Questo in un monologo di 2 minuti", racconta uno degli sfortunati partecipanti alla riunione al portale "SF Gate".

Per aggiungere la beffa al danno, è stato il capo delle comunicazioni, Rebecca Hahn, apparentemente costretto a licenziare sul posto oltre 400 impiegati mentre tratteneva le lacrime - in un "monotono soffocato", come racconta il dipendente licenziato - invece del fondatore e CEO della società , Travis VanderZanden.

La donna aveva iniziato la riunione riconoscendo che "questo è un modo non ottimale per recapitare questo
messaggio". Poi è subito arrivata al sodo: "La pandemia di COVID-19 ha anche avuto un impatto enorme sulla nostra attività, uno che ha costretto il nostro gruppo dirigente e il nostro consiglio di amministrazione a prendere decisioni estremamente difficili e dolorose. Una di queste decisioni è eliminare un numero di ruoli in azienda. Sfortunatamente il vostro ruolo è interessato da questa decisione. "

La "riunione" doveva durare mezz'ora, ma alla fine è durato solo due minuti.

Immediatamente dopo aver appreso la notizia, tutti gli ex dipendenti si vedevano immediatamente disattivato la loro e-mail e gli account di lavoro.

"Dovrebbe essere un modello di come non licenziare le persone, soprattutto in un momento come questo", ha continuato il dipendente. E un manager della società ha successivamente ammesso che "è stata una mossa da codardo" che "Travis non voleva dare la notizia" - in riferimento al CEO.

"Sembrava un episodio di Black Mirror", ha detto un altro dipendente intervistato, in riferimento alla popolare serie TV che immagina un futuro distopico.

"Questa voce inquietante è arrivata e ci ha detto che abbiamo perso il lavoro."

Sulla piattaforma YouTube è disponibile la registrazione audio del licenziamento dei 406 dipendenti (la trovate qui sotto).

Guarda anche 

Trump alla convention repubblicana a Milwaukee con l'orecchio fasciato: ufficiale la sua candidatura

Donald Trump è riapparso in pubblico per la prima volta lunedì sera dall'attentato di sabato in Pennsylvania. Il candidato alla presidenza del partito r...
17.07.2024
Mondo

Trump ha scelto il senatore J.D. Vance come suo vicepresidente

Il senatore dell'Ohio J.D. Vance diventerà vicepresidente se Trump vincerà le elezioni presidenziali di novembre. "Ho deciso che la persona miglior...
16.07.2024
Mondo

Confuso, Joe Biden getta nel panico i suoi sostenitori dopo il dibattito contro Trump

Joe Biden e Donald Trump hanno partecipato al loro primo dibattito televisivo questo giovedì, poco più di quattro mesi prima delle elezioni presidenziali am...
28.06.2024
Mondo

Assange patteggia con la giustizia Usa ed è libero, ha lasciato il Regno Unito

Julian Assange è “libero” e ha lasciato il Regno Unito in aereo lunedì dopo aver negoziato un accordo di dichiarazione di colpevolezza con la gi...
25.06.2024
Mondo

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto