Svizzera, 24 aprile 2020

Un "pappone" e spacciatore condannato a 5 anni di carcere

Il tribunale federale ha respinto giovedì il ricorso di un cittadino albanese condannato a cinque anni di carcere dalla giustizia vodese. L'uomo era stato dichiarato colpevole di tentata coazione sessuale e di incoraggiamento alla prostituzione, in particolare per aver portato una donna rumena in Svizzera e averla costretta a prostituirsi.

Nell'ottobre del 2010, la vittima era stata attratta dalla promessa di un lavoro dignitoso. Dopo aver lavorato per qualche tempo nella famiglia del condannato e della sua compagna rumena, quest'ultima l'aveva costretta a prostituirsi per due mesi minacciando lei e la sua famiglia in Romania di maltrattamenti e morte. Quando è fuggita alla fine di febbraio 2011, l'avevano minacciata con messaggi inviati al suo cellulare.

Nel 2012, l'uomo aveva anche tentato di abusare di una conoscente mettendogli dello stupefacente nella sua bibita. Quando l'uomo iniziò a toccarla, la donna si accorse di cosa stava succendendo e riuscì a fuggire. In seguito anche lei fu sottoposta a minacce.

Nel 2007 e nel 2011, l'uomo era stato inoltre coinvolto in un traffico internazionale di cocaina ed eroina che gli aveva fruttato oltre 20'000 franchi. Nel 2013, è stato condannato a cinque anni e mezzo di prigione in Macedonia per il trasporto di 14 chili di marijuana. Dopo aver scontato questa pena, l'albanese
è stato estradato in Svizzera e condannato in ottobre 2019 per gli eventi sopracitati avvenuti tra il 2007 e il 2012.

In una sentenza pubblicata giovedì, il Tribunale federale ha quindi respinto l'appello dell'albanese. Quest'ultimo contestava le accuse di incoraggiamento alla prostituzione e la tentata coercizione sessuale. Per quanto riguarda la prostituzione, aveva incolpato tutte le sue responsabilità sulla sua ex partner, partner che era stata condannata in un processo separato.

Nel suo ricorso l'uomo aveva sostenuto che, essendo di origine albanese, non avrebbe potuto scrivere le minacce via SMS in rumeno. Da parte sua, la giustizia vodese aveva rilevato che invece padroneggiava questa lingua e che le minacce erano tipiche di un autore di sesso maschile.

Per il Tribunale federale, il ricorrente si limita a rimettere in discussione l'interpretazione dei fatti da parte dell'autorità cantonale senza riuscire a stabilire una valutazione arbitraria.

Come i loro colleghi vodesi, i giudici federali ritengono che la colpa dei due condannati sia molto grave. Hanno agito per motivi egoistici di soddisfazione sessuale e avidità, hanno mostrato disprezzo per gli altri e hanno sfruttato una donna costringendola a prostituirsi. La condanna di 5 anni pronunciata dalla giustizia vodese viene quindi confermata.

Guarda anche 

90enne aggredita e violentata a casa sua a Como, arrestato un richiedente l'asilo

Una 90enne comasca è stata aggredita e violentata in casa, lo scorso venerdì 11 giugno. Come riportano i media italiani, l'anziana signora, tra le 21 e ...
15.06.2021
Mondo

Aggressione sessuale alla stazione di Olten: arrestato un migrante

La polizia cantonale solettese ha messo le manette ai polsi dell’uomo che lo scorso 5 giugno, attorno all’una, aveva aggredito sessualmente una giovane donna ...
14.06.2021
Svizzera

Dieci anni di carcere ai migranti che incendiarono il campo profughi di Moria

Il tribunale greco di Chios ha condannato oggi i quattro giovani afgani che nel settembre 2020 incendiarono e devastarono il campo profughi di Moria, sull’isola di ...
13.06.2021
Mondo

"Rapito e poi picchiato con una pistola puntata alla tempia", prima condanna in una vicenda di droga sfuggita di mano

Assomiglia alla trama di un film la vicenda descritta in una sentenza del tribunale distrettuale di Winterthur (ZH). Come riportato venerdì dal "Tages-Anzeige...
05.06.2021
Svizzera