Svizzera, 24 aprile 2020

Un "pappone" e spacciatore condannato a 5 anni di carcere

Il tribunale federale ha respinto giovedì il ricorso di un cittadino albanese condannato a cinque anni di carcere dalla giustizia vodese. L'uomo era stato dichiarato colpevole di tentata coazione sessuale e di incoraggiamento alla prostituzione, in particolare per aver portato una donna rumena in Svizzera e averla costretta a prostituirsi.

Nell'ottobre del 2010, la vittima era stata attratta dalla promessa di un lavoro dignitoso. Dopo aver lavorato per qualche tempo nella famiglia del condannato e della sua compagna rumena, quest'ultima l'aveva costretta a prostituirsi per due mesi minacciando lei e la sua famiglia in Romania di maltrattamenti e morte. Quando è fuggita alla fine di febbraio 2011, l'avevano minacciata con messaggi inviati al suo cellulare.

Nel 2012, l'uomo aveva anche tentato di abusare di una conoscente mettendogli dello stupefacente nella sua bibita. Quando l'uomo iniziò a toccarla, la donna si accorse di cosa stava succendendo e riuscì a fuggire. In seguito anche lei fu sottoposta a minacce.

Nel 2007 e nel 2011, l'uomo era stato inoltre coinvolto in un traffico internazionale di cocaina ed eroina che gli aveva fruttato oltre 20'000 franchi. Nel 2013, è stato condannato a cinque anni e mezzo di prigione in Macedonia per il trasporto di 14 chili di marijuana. Dopo aver scontato questa pena, l'albanese
è stato estradato in Svizzera e condannato in ottobre 2019 per gli eventi sopracitati avvenuti tra il 2007 e il 2012.

In una sentenza pubblicata giovedì, il Tribunale federale ha quindi respinto l'appello dell'albanese. Quest'ultimo contestava le accuse di incoraggiamento alla prostituzione e la tentata coercizione sessuale. Per quanto riguarda la prostituzione, aveva incolpato tutte le sue responsabilità sulla sua ex partner, partner che era stata condannata in un processo separato.

Nel suo ricorso l'uomo aveva sostenuto che, essendo di origine albanese, non avrebbe potuto scrivere le minacce via SMS in rumeno. Da parte sua, la giustizia vodese aveva rilevato che invece padroneggiava questa lingua e che le minacce erano tipiche di un autore di sesso maschile.

Per il Tribunale federale, il ricorrente si limita a rimettere in discussione l'interpretazione dei fatti da parte dell'autorità cantonale senza riuscire a stabilire una valutazione arbitraria.

Come i loro colleghi vodesi, i giudici federali ritengono che la colpa dei due condannati sia molto grave. Hanno agito per motivi egoistici di soddisfazione sessuale e avidità, hanno mostrato disprezzo per gli altri e hanno sfruttato una donna costringendola a prostituirsi. La condanna di 5 anni pronunciata dalla giustizia vodese viene quindi confermata.

Guarda anche 

Attacco all'arma bianca vicino alla sede di Charlie Hebdo, almeno due feriti

Un uomo e una donna sono stati accoltellati venerdì a Parigi, nei pressi della vecchia sede del giornale Charlie Hebdo, proprio mentre si tiene il processo per gli...
25.09.2020
Mondo

Condannati gli attivisti pro clima che avevano occupato una filiale del Credit Suisse

I dodici attivisti pro clima che avevano occupato una succursale del Credit Suisse nel 2018 e che erano stati assolti nel processo di primo grado lo scorso gennaio sono f...
25.09.2020
Svizzera

Degenera una lite in un appartamento di Zurigo, un morto e due feriti

Una lite è degenerata giovedì mattina in un appartamento di Zurigo causando la morte di un uomo e il ferimento di due donne. La polizia è stata aller...
24.09.2020
Svizzera

Nascose il fratello dopo l'omicidio, licenziato dall'amministrazione cantonale

È definitivo il licenziamento dall’amministrazione cantonale di un 38enne svizzero kosovaro domiciliato a Monte Carasso, fratello di uno dei cinque condannat...
22.09.2020
Ticino