Svizzera, 19 aprile 2020

Attivisti di sinistra manifestano (in auto) per i rifugiati, interviene la polizia

Circa un centinaio di attivisti di sinistra si sono riuniti sabato pomeriggio per una manifestazione, evidentemente non autorizzata in questi tempi di pandemia, a Zurigo. I manifestanti hanno voluto attirare l'attenzione sulla situazione dei rifugiati a causa della crisi Coronavirus. Probabilmente per motivi sempre legati alla pandemia i promotori hanno organizzato la manifestazione sotto forma di un corteo in automobile e bicicletta, corteo a cui hanno preso parte circa venti macchine occupate da 100 persone. La polizia tuttavia è intervenuta ancora prima che la manifestazione avesse inizio e hanno intimato ai presenti di allontanarsi. Alcune decine di loro non hanno dato seguito alla richiesta delle autorità e sono stati quindi arrestati.

"Alle 14, circa 30 veicoli e un certo numero di biciclette hanno attraversato Hardstrasse e Heinrichstrasse. La polizia comunale era informata da giorni che era stata organizzata una 'manifestazione in auto' non autorizzata su Heinrichstrasse sotto il motto 'Sicurezza per tutti i rifugiati'", riferisce la polizia zurighese in un comunicato stampa, ripreso dal portale "20 minuten".

"Diversi partecipanti hanno seguito le istruzioni della polizia e hanno lasciato il luogo con auto e biciclette. Tuttavia, circa 30 di loro non hanno seguito le istruzioni e sono rimasti sulla Heinrichstrasse con circa 16 veicoli. Di conseguenza, sono stati sottoposti a un controllo personale e arrestati", ha detto la polizia.

Poco dopo "diverse persone" si sono radunate con i loro veicoli sulla Langstrasse e Josefstrasse, continua il comunicato della polizia. “Anche in questo frangente la polizia comunale è intervenuta e ha allontanato i presenti. Anche in questa occasione diversi manifestanti sono stati arrestati". Oltre agli arresti, sono stati sequestrati due trattori, diversi altoparlanti e altro materiale per manifestare.

Guarda anche 

A processo per aver dato da mangiare al gatto della vicina, viene assolta

Una 59enne di Eglisau, nel canton Zurigo, è stata processata per la singolare accusa di aver dato da mangiare al gatto della vicina, nonostante quest'ultima fo...
20.05.2022
Svizzera

Scoperte due specie di delfini che vivevano (anche) in Svizzera

Circa 20 milioni di anni fa, come conseguenza di un riscaldamento del clima, il livello del mare si alzò fino a coprire gran parte dell'attuale Europa. Il t...
18.05.2022
Mondo

"Non ucciderei mai una donna che mi paga 300'000 franchi per delle relazioni sessuali"

La Corte Suprema del canton Zurigo ha condannato un cittadino italiano di 78 anni a 13 anni di carcere per un omicidio avvenuto nel 1997. Il tribunale ha quindi confermat...
12.05.2022
Svizzera

Simula un infortunio gettandosi dalle scale, scoperto dopo aver incassato migliaia di franchi

Simulare una malattia o un infortunio per ricevere indebitamente le indennità dall'assicurazione non è un fatto nuovo, ma un giovane apprendista di W...
04.05.2022
Svizzera