Svizzera, 17 aprile 2020

Criminali stranieri non possono essere espulsi perchè mancano voli, vengono liberati

La pandemia di Covid-19 e le conseguenti cancellazioni di voli aerei hanno avuto ripercussioni anche sulle espulsioni di criminali stranieri. Come riportava giovedì il portale "20 minutes" i centri di detenzione amministrativa di Favra e Frambois, nel canton Ginevra, "sono stati svuotati dei loro detenuti", hanno fatto sapere l'Ufficio cantonale della migrazione e della popolazione (OCPM) e quello della detenzione (OCD). Questi centri ospitano gli stranieri dei cantoni di Ginevra, Vaud e Neuchâtel in attesa della loro espulsione o del loro rinvio nel paese d'origine. Detto altrimenti, i criminali stranieri detenuti in questi centri sono state rilasciate.

A partire da metà marzo sono trenta le persone che hanno potuto lasciare la detenzione e fare ritorno fra la popolazione civile. Alcuni di essi sono stati liberati dopo una sentenza del Tribunale amministrativo di primo grado, altri dopo una decisione dell'OCPM . La legge federale sugli stranieri e l'integrazione (art. 80, comma 6) stabilisce che "la detenzione amministrativa può essere revocata quando la rimozione o l'espulsione non è più possibile per motivi materiali", come in questo caso la mancanza di voli, sottolineano il OCPM e l'OCD nel loro comunicato. I due uffici del canton Ginevra sostengono che questo tipo di detenzione può, senza che vi sia una prospettiva di espulsione a breve o medio termine, "apparire talvolta come misura sproporzionata o diventare inadeguata".

I detenuti rilasciati sarebbero comunque monitorati. Le autorità ginevrine specificano che altre misure di controllo sarebbero in realtà applicabili per gli stranieri che sono in attesa di rinvio o espulsione, come gli arresti domiciliari o il divieto di entrare in una area specifica. In che modo questi provvedimenti sono applicati, non è tuttavia stato precisato. Per quanto riguarda la possibile futura detenzione amministrativa, "saranno esaminati caso per caso, in base alle prospettive di un effettivo licenziamento e all'evoluzione della situazione sanitaria".

Interrogati sul profilo e il passato criminale dei detenuti che sono stati rilasciati, le autorità ginevrine si sono rifiutate di specificare quali sono stati i crimini commessi o su quali fossero i loro paesi di destinazione.  

Guarda anche 

2000 franchi per un piccolo appartamento, locatrice in manette per affitti esorbitanti a migranti clandestini

Faceva pagare 2000 franchi di affitto mensile per un piccolo appartamento, il cui prezzo ufficiale non dovrebbe superare i 1130 franchi al mese. Una proprietaria di immob...
26.10.2020
Svizzera

L’FC Lugano calma le acque: “Migliorano le condizioni di Renzetti”

LUGANO – Dopo le dichiarazioni rilasciate al “Blick” dal diretto interessato, l’FC Lugano ha rilasciato un comunicato in merito alle condizioni di...
25.10.2020
Sport

Renzetti spaventa tutti: “Non riuscivo a camminare. Dovevo appoggiarmi al muro: mi hanno ricoverato”

LUGANO – Lunedì 12 ottobre l’FC Lugano ha comunicato che il presidente Angelo Renzetti era risultato positivo al coronavirus. Dopo quella notizia si &e...
25.10.2020
Sport

Lugano: una ripartenza dalla quarantena che fa sorridere

LUGANO – Ebbene sì: dopo una quarantena per Covid si può ripartire. Magari con gli stessi pregi e difetti di prima, magari con una tenuta fisica non p...
25.10.2020
Sport