Svizzera, 10 aprile 2020

Pagava stipendi da 20 centesimi all'ora, condannato a 6 anni di carcere e espulsione

Un imprenditore lituano di 36 anni è stato condannato giovedì a sei anni di carcere e 10 anni di espulsione dalla Svizzera dal Tribunale penale di Ginevra per aver sfruttato per anni suoi operai in cantieri della Svizzera romanda (vedi articoli correlati). È stato ritenuto colpevole di tratta di esseri umani e usura qualificata.

Si tratta una forma moderna di schiavitù, ha sostenuto il Tribunale penale. Il sistema di reclutamento dei lavoratori, che provenivano da paesi dell'Europa orientale e settentrionale, era ponderato ed efficace, secondo i giudici. Il 36enne contestava la maggior parte dei fatti.
Ha reclutato i suoi lavoratori soprattutto via Internet. Li ha attirati proponendo loro un salario orario di circa 10 euro. Un compenso più che accettabile per queste persone, che potevano solo sognare un simile reddito, incomparabile a quello che potevano sperare di guadagnare nei loro rispettivi paesi di provenienza.

Una volta arrivati in Svizzera, i lavoratori si resero rapidamente conto che non guadagneranno mai i promessi 10 euro allora. La maggior parte di loro fu pagata uno stipendio orario tra i 20 centesimi e i 6,50 franchi, mentre gli straordinari non venivano compensati. Dovettero lavorare alcune domeniche e festivi.

Senza un reddito sufficiente, le vittime dipendevano dall'imprenditore e non potevano lasciare la Svizzera. Ha quindi abusato della loro posizione di vulnerabilità, ha ritenuto la Corte.

In generale, gli operai non avevano un contratto di lavoro scritto. Non avevano diritto a indumenti protettivi o dispositivi di sicurezza quando eseguivano lavori sui tetti. Erano alloggiati in condizioni precarie e non ricevevano abbastanza cibo. L'appaltatore è scomparso prima della fine del sito.
L'uomo è stato anche ritenuto colpevole di violazione della fiducia, gestione fraudolenta, calunnia, denuncia diffamatoria e varie violazioni del lavoro, degli stranieri e delle leggi in materia di previdenza sociale. È stato invece assolto da alcune accuse, tra cui coercizione e aggressione.

L'uomo dovrà inoltre pagare 5'000 franchi per lesioni morali alle sue vittime. L'accusa aveva richiesto una pena detentiva di sei anni e mezzo di reclusione. L'imputato, detenuto in custodia preventiva dall'ottobre 2017, era attivo nei cantoni di Ginevra, Vaud e Vallese.

Guarda anche 

La Svizzera dovrà dare all'Italia i dati bancari di due contribuenti italiani

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso di due contribuenti italiani che si opponevamo alla trasmissione dei loro dati bancari a Roma. Questa ri...
15.01.2021
Svizzera

Condannato sia in Italia sia in Svizzera, ma il TRAM lo perdona

Aveva omesso di segnalare nell’autocertificazione di essere già stato condannato in Italia a una pena di 20 mesi di reclusione. In più durante la sua ...
14.01.2021
Ticino

La vittima della sparatoria di Giornico deve tornare a casa sua

Dovrebbe lasciare la Svizzera il 32enne richiedente l’asilo pachistano che nel 2017 rimase ferito in una sparatoria nei boschi sopra Giornico. Il Tribunale amminist...
14.01.2021
Ticino

"La tassa militare è discriminatoria", la Svizzera condannata dalla CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è pronunciata a favore di un cittadino svizzero ritenuto inabile al servizio che si era opposto alla tassa mil...
12.01.2021
Svizzera