Svizzera, 16 gennaio 2020

In carcere per aver pagato gli operai 20 centesimi all'ora

Il titolare di una società fallita nel 2018 è stato denunciato da quindici dei suoi ex dipendenti e posto in detenzione preventiva a Ginevra. L'accusa è di tratta di esseri umani, di non aver adempiuto ai suoi obblighi in termini di assicurazioni sociali, di non aver fornito vitto e alloggio secondo quanto concordato e di aver pagato ai dipendenti paghe irrisorie (si parla di 20 centesimi all'ora) rispetto a quanto concordato. I fatti si sono verificati nei cantoni di Ginevra, Vaud e Vallese. Secondo quanto riferisce la "Tribune de Genève", l'imputato attirava lavoratori precari provenienti da paesi dell'Est europeo con lauti stipendi che poi rimanevano lettera morta.

L'avvocato dell'imprenditore contesta in parte le accuse, indicando che i lavoratori hanno beneficiato di telefoni cellulari e di veicoli messi a loro disposizione e che nessuno dei denuncianti è stato costretto a firmare il contratto proposto.

Guarda anche 

A Ginevra sono iniziati i trattamenti del Covid-19 con la clorichina

La clorochina è un farmaco, normalmente usato contro la malaria, molto discusso in questi giorni. Per molti esso rappresenta la principale speranza nella lotta con...
26.03.2020
Svizzera

Decine di famiglie rom rimpatriati in Romania da Ginevra

Senza entrate dallo scoppio della crisi legata al coronavirus e senza la possibilità di trovare un alloggio in grado di ospitare famiglie numerose, mercoledì...
26.03.2020
Svizzera

La lezione del coronavirus: Via la libera circolazione

E’ bastato un microscopico virus per mandare in tilt il sistema economico creato dalla partitocrazia spalancatrice di frontiere PLR-PPD-P$$ (Verdi-anguria ovviament...
25.03.2020
Svizzera

L'onda verde non si è fermata, i Verdi vincono le elezioni comunali di Ginevra

Nonostante l'ambiente non sia più un tema agli onori della cronaca come poche settimane fa, l'onda verde continua a perdurare a livello elettorale, perlome...
16.03.2020
Svizzera