Svizzera, 01 aprile 2020

Pieno di debiti e condanne, espulso un italiano nato e cresciuto in Svizzera

È nato in Svizzera e ha sempre vissuto in Svizzera. Ciononostante un 47enne italiano dovrà ora crearsi una nuova vita in Italia. Lo ha confermato il Tribunale federale, che con sentenza pubblicata oggi ha confermato la revoca del permesso C e l’espulsione dell’uomo, divorziato e senza figli.
 
Un’espulsione che era stata decisa nel febbraio 2019, mentre l’uomo si trovava in carcere a scontare una pena detentiva di cinque anni per una rapina a mano armata e una lunga serie di reati finanziari, oltre a reati contro la legge federale sulle armi e contro la legge federale sugli stupefacenti. Era la sua terza condanna penale, quella di troppo secondo le autorità vodesi che decisero quindi di obbligare l’uomo a traslocare in Italia
non appena sarebbe uscito dal carcere.
 
Lui si è opposto, ma anche i giudici federali hanno ritenuto che le condanne, sommate alla dipendenza dell’assistenza sociale e a oltre 420mila franchi di debiti, fossero un motivo sufficiente per allontanarlo dalla Svizzera. “Il ricorrente non si è mai integrato in Svizzera né professionalmente né socialmente” scrivono i giudici, evidenziando i suoi ripetuti periodi in disoccupazione e il fallimento di tutte e tre le società da lui create, per altro utilizzate per i suoi fini criminali. “Pertanto – concludono i giudici - un suo trasferimento in Italia è esigibile, nonostante le difficoltà che potrà incontrare nel primo periodo”.

Guarda anche 

Se il dipendente lavora da casa il datore deve pagare parte dell'affitto

Il datore di lavoro che fa lavorare da casa un dipendente deve partecipare alle spese di affitto che quest'ultimo deve sostenere. È quanto ha deciso il Tribuna...
24.05.2020
Svizzera

Arrestato a Bali con pochi grammi di cannabis, dovrà stare più di 6 anni in carcere

Uno svizzero residente a Losanna che era arrestato lo scorso novembre in Indonesia in possesso di 30 grammi di cannabis è stato condannato a 6 anni e 6 mesi di car...
19.05.2020
Svizzera

Tassista chiede 100 franchi per ridare un telefono perso da un cliente, condannato a pagare una multa

Un tassista non può pretendere un pagamento per ridare un oggetto dimenticato da un cliente sul suo veicolo. Lo ha scoperto un tassista della regione di Linth, nel...
18.05.2020
Svizzera

Poliziotto condannato per essere andato troppo veloce durante un inseguimento

Un agente di polizia della polizia cantonale vodese è stato condannato in appello a pagare una multa per essere andato troppo veloce durante un inseguimento. Ne...
16.05.2020
Svizzera