Svizzera, 30 marzo 2020

Una piattaforma per far incontrare aziende agricole e persone in cerca di lavoro

Una piattaforma online per riunire agricoltori bisognosi di manodopera e persone in cerca di lavoro. L’Unione Contadini Ticinesi (UCT), in un comunicato trasmesso domenica ai media, rende attente le aziende agricole toccate dalla situazione straordinaria venutasi a creare con il COVID-19 e che oggi sono più che mai interessate, dato il loro ruolo essenziale nell'approvvigionamento alimentare del paese. L'UCT ricorda che anche le aziende agricole possono richiedere dei crediti transitori per far fronte a eventuali problemi di liquidità.

Un altro aspetto prioritario riguarda la necessità di manodopera. Stando ad un sondaggio interno condotto dall'Unione Svizzera dei Contadini (USC) nei prossimi mesi le aziende agricole avranno un grande bisogno di manodopera in agricoltura, "soprattutto orticoltura, viticoltura e per la cura degli animali sugli alpeggi". Per far fronte a questa necessità, e vista la difficoltà a reperire manodopera estera per cui recarsi in Svizzera è diventato difficile se non impossibile, è stata istituita una piattaforma di ricerca di posti vacanti in agricoltura, dove chi cerca e chi offre lavoro (www.agriticino.ch/borsa-del-lavoro). Qui le aziende agricole in cerca di personale possono pubblicizzare i lavori disponibili, mentre le persone che sono disoccupate o che al momento non sono in grado di lavorare dopo il passaggio alla disoccupazione parziale, possono registrarsi o semplicemente vedere dove sono necessari dei rinforzi.

Anche per quel che concerne i lavoratori stranieri le aziende agricole potranno usufruire di un sistema a notifica online in cui, con poca burocrazia e senza necessità di inviare documenti, le aziende potranno assumere in breve tempo personale straniero.

Di seguito il comunicato integrale dell'Unione dei Contadini Ticinesi (e relativi collegamenti utili):

COMUNICATO STAMPA dell’Unione Contadini Ticinesi del 29 marzo 2020

Aiuti finanziari e manodopera in agricoltura: piattaforma di scambio e permessi di lavoro

L’Unione Contadini Ticinesi (UCT) comunica alle aziende agricole toccate dalla situazione straordinaria venutasi a creare con il COVID-19 che anche loro possono richiedere dei crediti transitori per far fronte ai problemi di liquidità. Tutte le informazioni necessarie si possono trovare su https://covid19.easygov.swiss/it/; la procedura è molto snella e veloce. Servono solo i dati personali dell’azienda e la cifra d’affari del 2019 o, se non ancora disponibile, quella del 2018.
Inoltre, in collaborazione con l’Unione Svizzera dei Contadini (USC) è stato effettuato un sondaggio interno che indica che nei prossimi mesi ci sarà un grande bisogno di manodopera in agricoltura, soprattutto orticoltura, viticoltura
e per la cura degli animali sugli alpeggi. A seconda dello sviluppo in Europa, supponiamo che diverse migliaia di posti di lavoro potrebbero non venire occupati con l’abituale personale estero, poiché molti lavoratori non sono in grado o non sono disposti a venire in Svizzera.

Manodopera indigena

Al fine di poter usufruire di manodopera indigena, ricordiamo la nostra piattaforma di ricerca di posti vacanti in agricoltura, dove chi cerca e chi offre lavoro (www.agriticino.ch/borsa-del-lavoro) può inserire i suoi dati. Qui le aziende agricole in cerca di personale possono pubblicizzare i lavori disponibili, mentre le persone che sono disoccupate o che al momento non sono in grado di lavorare dopo il passaggio alla disoccupazione parziale, possono registrarsi o semplicemente vedere dove sono necessari dei rinforzi. A partire da subito sono disponibili delle piattaforme online gratuite anche nel resto della Svizzera (agrix.ch, agrarjobs.ch). Inoltre, invitiamo le aziende agricole a comunicare i posti di lavoro disponibili agli Uffici regionali di collocamento, che possono dare una mano a trovare personale.

Manodopera estera

Ci impegniamo anche con le Autorità federali per garantire che la manodopera agricola estera possa continuare ad entrare nel nostro Paese. Al momento le notifiche online nel campo dell’agricoltura ed in particolare per l’orticoltura, vengono trattate con priorità, essendo delle attività essenziali. Considerata la situazione assolutamente eccezionale a cui siamo confrontati, si tratta di garantire in via prioritaria la protezione della popolazione alla luce dei rischi di propagazione della malattia. Questo passa necessariamente anche dal mantenimento delle condizioni di approvvigionamento alimentare. Sono prioritarie tutte le attività che garantiscono la disponibilità di beni e servizi essenziali alla popolazione in settori quali i farmaci e le cure, l’alimentazione, l’energia, la logistica nonché le tecnologie d’informazione e comunicazione. L’autorità federale raccomanda di esaminare e trattare in via prioritaria le domande di permesso nonché gli annunci che soddisfano questi criteri.

Invitiamo quindi, a chi ne avesse estrema necessità, di procedere con le notifiche online https://meweb.admin.ch/meldeverfahren/ (durata massima 90 giorni lavorativi effettivi). La mole di info e documenti necessari è limitata e vanno notificati i seguenti dati del lavoratore: nome e cognome, data di nascita, nazionalità, attività esercitata, qualifica professionale, durata dell’impiego, mentre non si deve inoltrare alcuna documentazione. La notifica online non preclude la possibilità di richiedere i permessi "ordinari" (L/G/B) in un secondo momento.

Guarda anche 

Centinaia di lavoratori stranieri atterrano a Ginevra con dei voli speciali

Lunedì scorso 141 lavoratori stagionali portoghesi sono atterrati all'aeroporto di Ginevra da Oporto. Il volo charter, operato dalla compagnia Swiss, è ...
09.05.2020
Svizzera

Viticoltori manifestano a Berna, denunciano la concorrenza "sleale" dei vini stranieri

Circa 200 viticoltori, principalmente romandi, hanno manifestato lunedì a Berna per difendere il loro lavoro e il vino svizzero. Come riporta "Le Matin",...
02.12.2019
Svizzera

I contadini contro l'Accordo quadro, "a rischio una produzione agricola senza OGM"

La Camera dell'agricoltura dell'Unione Svizzera dei contadini (USP) si è pronunciata mercoledì contro l'accordo istituzionale con l'UE "...
24.04.2019
Svizzera

Più del 90% delle coltivazioni biologiche in Svizzera è contaminato da pesticidi

Quasi tutte le aree agricole dell'Altopiano svizzero contengono almeno un neonicotinoide. Questi insetticidi sono onnipresenti nei terreni delle fattorie convenzional...
08.04.2019
Svizzera