Mondo, 29 marzo 2020

Macron denuncia "un'Unione europea egoista e divisa"

"Non voglio un'Europa egoista e divisa", dice il presidente francese, Emmanuel Macron, in un'intervista rilasciata a testate italiane sul tema dell'emergenza coronavirus. Argomento scottante nelle cancelliere dei paesi UE in questi giorni è come, e se, aiutare i paesi dell'Unione maggiormente colpiti dalla crisi. Emmanuel Macron, a favore dei "prestiti Corona", o "coronabond", critica apertamente la "riluttanza" di Berlino, chiedendo solidarietà di bilancio europea di fronte al coronavirus e allo stesso tempo nega di aver ignorato i segnali dall'Italia che sulla gravità della crisi sanitaria.

Nove paesi europei, tra cui Francia e Italia, hanno invitato mercoledì a lanciare un prestito congiunto in tutta l'Unione europea per far fronte al coronavirus, mentre la Germania è contraria a qualsiasi raggruppamento di debiti. "Non supereremo questa crisi senza una forte solidarietà europea, sia in termini di sanità che di bilancio", ha dichiarato il capo dello stato francese in un'intervista ai giornali Il Corriere de la Sera, La Stampa e La Repubblica.

"L'UE, la zona euro, è solo un'istituzione monetaria e un insieme di regole molto rilassate che consentono a ciascuno Stato di agire da solo? O stiamo agendo insieme per finanziare le nostre spese, i nostri bisogni in questa crisi vitale?" si chiede Emmanuel Macron. "Può essere una capacità di indebitamento comune, qualunque sia il suo nome, o un aumento del bilancio dell'UE per consentire un sostegno reale ai paesi più colpiti da questa crisi", ha aggiunto, prima di concludere che "l'importo degli aiuti è secondario, l'importante è lanciare un segnale ai paesi più colpiti dalla crisi."

Guarda anche 

Il patrimonio complessivo di Unia è di quasi un miliardo di franchi, "i compagni sono dei buoni capitalisti"

Una recente sentenza del Tribunale federale ha rivelato parte del patrimonio a disposizione del sindacato Unia. Il più grande sindacato della Svizzera possedeva be...
17.09.2021
Svizzera

L'Ue approva 14 miliardi per cercare nuove adesioni nei balcani e la Turchia

Pioggia di soldi per i paesi balcanici non ancora membri dell'UE e la Turchia in vista di un'adesione all'Unione europea. Nei giorni scorsi il Consiglio Europ...
13.09.2021
Mondo

Una decisione irrispettosa: gli americani partono male

LUGANO - Chicago hanno schiacciato il bottone sbagliato! Il signor Joe Mansueto e i suoi accoliti hanno pensato bene di aggiungere anche Abel Braga alla lista delle ...
05.09.2021
Ticino

«Boa sorte mister». Ma è così senza senso l’esonero di Braga?

LUGANO – È stato un risveglio travagliato quello di ieri per tutti i tifosi del Lugano, per i calciatori, per gli addetti ai lavori, per noi giornalisti&hell...
02.09.2021
Sport