Sport, 20 marzo 2020

Coronavirus. In Bielorussia il campionato è partito a porte aperte. Il rimedio? “Bevete tanta vodka e fate la sauna!”

Nonostante 51 casi di contagio da coronavirus il calcio non si ferma

MINSK (Bielorussia) – Fa quasi impressione a dirlo, ma in Bielorussia neanche il coronavirus ferma il calcio: nonostante 51 casi di positività al COVID-19, infatti, il campionato bielorusso è iniziato ieri sera e per di più tutte le partite si giocheranno a porte aperte, con il pubblico sugli spalti.

Il capoufficio stampa della federcalcio locale, Alexander Aleinik, ha spiegato che “la decisione di giocare regolarmente e con il pubblico è stata presa dopo la riunione di martedì con la Uefa. Molti campionati sono stati sospesi, noi invece iniziamo ora perché la nostra stagione calcistica va dalla primavera all’autunno”.

E chi se ne frega del coronavirus, verrebbe da dire, visto che nessun club si è opposto a tale decisione. Inoltre il presidente bielorusso, Alexsandr Lukashenko (che anni fa voleva vietare i matrimoni fra le donne bielorusse con gli stranieri), ha raccomandato alla popolazione “di fare la sauna, bere tanta vodka e lavorare molto per uccidere il virus nei vostri organismi”.

Parole che davvero lasciano basiti…

Guarda anche 

Grazie ai volontari... e qualche raccomandazione

In questi tempi grami di pandemia tante persone si danno da fare per gli altri. Non solo a titolo professionale, ma anche come volontari. Quasi due settimane fa il Consig...
02.04.2020
Ticino

L'anno scolastico non verrà prolungato, certificati di studio rilasciati con "sufficiente anticipo"

L'anno scolastico 2019/2020 non sarà prolungato e dovrà essere convalidato per gli allievi delle scuole elementari. Per quanto riguarda le scuole medie,...
02.04.2020
Svizzera

Migliaia di cittadini svizzeri sono ancora bloccati all'estero

Dal 24 marzo scorso il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha rimpatriato oltre 2'000 cittadini svizzeri dall'estero. Nuovi voli vengono organizzati ...
02.04.2020
Svizzera

Conte proroga il confino degli italiani al 13 aprile, "dopo dovremo imparare a convivere con il virus"

Il premier italiano Giuseppe Conte ha firmato mercoledì sera il decreto che posticipa al 13 aprile le misure di contenimento del coronavirus, inclusa la ...
02.04.2020
Mondo