Sport, 10 marzo 2020

Continua il processo a Cipollini: “Inseguiva mia figlia con la pistola”

Drammatica e angosciante la testimonianza dell’ex suocera del campione del mondo di ciclismo

LUCCA (Italia) – In tempi di coronavirus anche le udienze nei tribunali sono annullate e rinviate, ma a Lucca nei giorni scorsi è continuato il processo nei confronti di Mario Cipollini, l’ex campione del mondo di ciclismo accusato di maltrattamenti in famiglia e stalking nei confronti della ex moglie, oltre a minacce nei confronti dell’attuale compagno di lei.

“Una persona aggressiva che teneva sotto il cuscino la pistola e in camera da letto il fucile. L’ho visto con i miei occhi afferrare per il collo Sabrina in fondo alle scale della mia casa al primo piano o al culmine di un litigio rincorrerla in giardino armato di revolver”. Sono le parole rilasciate in aula da Giovanna Di Simo, la madre di Sabrina Landucci, la ex moglie dell’asso del ciclismo italiano e mondiale.

“Non mi perdonerò mai di non aver denunciato l’ex marito di mia figlia quando, già prima della separazione, ha usato violenza e ha minacciato la nostra famiglia. Anche le mie nipoti erano impaurite del padre tanto da non contraddirlo mai. Mia figlia non ha voluto compromettergli la carriera e ha subito di tutto. Quando dopo l’ennesimo tradimento, lei tornava a casa con noi genitori e portava con sé le figlie, lui la inondava di messaggi e telefonate a qualsiasi ora del giorno e della notte. Una volta le disse che se non fosse tornata a casa avrebbe ammazzato lei, noi genitori e avrebbe spellato suo fratello come un coniglio”, ha continuato la signora.

“Mio genero era un libertino impenitente e una volta, dopo un matrimonio fittizio in nave, voleva portarsi a casa la sposa. Quando mia figlia gli chiedeva conto delle sue avventure, lui andava fuori di testa e la picchiava. Sabrina tornava da me o andava dalla mia ex cognata, ma alla fine tornava con lui. Telefonava urlando tanto che si sentiva tutto anche senza viva voce, oppure spediva centinaia di sms. Era possessivo e geloso: piangeva e chiedeva perdono pregandola di tornare a casa e poi iniziava a insultarla e a minacciare lei e i suoi familiari. Una volta notai sul collo di mia figlia dei segni rossi come se lui l’avesse afferrata per la gola. Piangeva e mi disse che l’aveva trascinata per i capelli. La invitai ad andare in pronto soccorso ma aveva paura sia per noi sia di rovinargli la carriera. Solo nel 2012 riuscì a trovare le forze per scappare”, ha spiegato.

Guarda anche 

Accusato di pagare cifre irrisorie agli operai, imprenditore rischia fino a 6 anni e mezzo di carcere

Un imprenditore lituano attivo in Romandia accusato di pagare compensi irrisori ai suoi operai in condizioni di lavoro illegali (ne parlavamo qui), rischia di rimanere in...
03.04.2020
Svizzera

Uccise la moglie e la suocera, chiesti 20 anni di carcere e l'espulsione

Il Ministero pubblico del canton Argovia ha chiesto 20 anni di carcere per un kosovaro di 57 anni accusato di aver ucciso sua moglie e sua cognata nel gennaio 2018 a Haus...
31.03.2020
Svizzera

A processo per un tentativo di esorcismo finito in violenza

Un uomo di 42 anni ha dovuto presentarsi mercoledì davanti al Tribunale distrettuale di Wil, nel canton San Gallo, per rispondere all'accusa di violenze sempli...
27.03.2020
Svizzera

Quadro di Exit a processo per aver aiutato una donna in salute a morire

Fino a che punto si può spingere l'aiuto al suicidio? È legale aiutare una persona a morire ? È quanto si sta dibattendo in questi gior...
13.03.2020
Svizzera