Svizzera, 07 marzo 2020

Ha la tubercolosi, quindi può restare in Svizzera

La signora Giuseppina Santoro di SOS Ticino è riuscita a trattenere in Ticino un giovane gambiano che soffre di dermatopolimiosite idiopatica e di tubercolosi latente. È proprio grazie al fatto che è malato che l’uomo ha potuto evitare di essere rispedito in Italia, dove viveva già da tre anni. La situazione potrà essere rivalutata una volta che il gambiano sarà guarito, ovviamente a spese dei contribuenti elvetici.
 
L’uomo era giunto in Europa nel maggio 2016 e aveva presentato una domanda d’asilo in Italia. Insoddisfatto del trattamento ricevuto nella vicina Penisola, quasi tre anni dopo, nel marzo 2019, il cittadino gambiano ha deciso di recarsi a Chiasso e presentare una domanda d’asilo anche in Svizzera. Purtroppo per lui la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) si è subito accorta che l’uomo era già registrato in Italia. Così, nemmeno un mese dopo il suo arrivo, ha deciso di mandarlo indietro.
 
Allora il gambiano, sostenuto da SOS Ticino, ha giocato la carta medica. A fine aprile 2019 ha ricorso al Tribunale amministrativo federale sostenendo che la SEM non avesse considerato le sue precarie condizioni di salute. E già in maggio il TAF gli ha dato ragione, obbligando la SEM a chinarsi nuovamente sul caso. La SEM ha così commissionato all’EOC un rapporto medico esaustivo per avere un quadro completo delle condizioni mediche del richiedente. In agosto, sulla base di quel rapporto, ha nuovamente pronunciato il trasferimento dell’uomo verso l’Italia.
 
Tramite la signora Giuseppina Santoro l’uomo ha così presentato ricorso al TAF anche contro la seconda decisione della SEM. Subito dopo è tornato a farsi ricoverare all’OBV di Mendrisio, dove è rimasto per un paio di settimane. In seguito ha trasmesso un nuovo certificato medico attestante le sue malattie. Nelle sue osservazioni al TAF ha affermato che un eventuale ritorno in Italia metterebbe a rischio la sua salute. E il TAF ha dato ragione all’uomo, sostenendo che la SEM avrebbe dovuto ottenere delle garanzie individuali e concrete da parte delle autorità italiane riguardo a una presa in carico medica dell’uomo prima di decretarne il rinvio. Finché l’Italia non garantirà di volersi prendere cura del cittadino gambiano egli potrà quindi restare a farsi curare in Svizzera.

Guarda anche 

A processo per aver dato da mangiare al gatto della vicina, viene assolta

Una 59enne di Eglisau, nel canton Zurigo, è stata processata per la singolare accusa di aver dato da mangiare al gatto della vicina, nonostante quest'ultima fo...
20.05.2022
Svizzera

La popolazione non può opporsi al taglio di un albero, secondo il Tribunale federale

Sovente, quando un comune sta per abbattere uno o più alberi, fra la popolazione si sollevano voci contrarie. È successo recentemente anche a Zofingen, nel ...
20.05.2022
Svizzera

Chiesto oltre mezzo miliardo per aiutare i genitori che collocano i figli all'asilo nido

In futuro potrebbe costare meno mandare i figli all'asilo nido o a servizi di doposcuola poichè potrebbero beneficiare di un sostegno finanziario da parte dell...
18.05.2022
Svizzera

Afflusso di ucraini, c'è chi vuole porre dei limiti

"La solidarietà verso i profughi ucraini comincia ad erodersi" titola domenica il "SonntagsZeitung", che riporta che i primi politici stanno me...
16.05.2022
Svizzera