Svizzera, 05 marzo 2020

I giovani socialisti manifestano per i migranti in Turchia (e per Ticinonews sono dalla parte giusta della storia)

Ieri pomeriggio "alcune decine" di giovani socialisti si sono riuniti davanti a Palazzo federale per manifestare a favore dei migranti ammassati al confine tra la Grecia e la Turchia chiedendo, fra le altre cose, che la Svizzera ne accolga 10'000. Che in Svizzera ci siano alcune decine di estremisti di sinistra che vogliono abolire le frontiere e accogliere tutto il mondo non è certamente un fatto nuovo nè meriterebbe di essere riportato. Ad essere più significativo è il fatto che la mini-manifestazione è stata riportata praticamente solo dal portale Ticinonews che ha descritto l'evento come "un forte segnale" verso le autorità svizzere, quando non solo i media hanno (comprensibilmente, vista la misera partecipazione) ignorato la cosa ma probabilmente nemmeno i parlamentari presenti a Palazzo federale si sono accorti della presenza
di qualche giovane ansioso di accogliere richiedenti l'asilo a spese del contribuente.

Ma oltre ad esagerare l'importanza della piccola manifestazione, il redattore ha qualificato i pochi attivisti presenti come "dalla parte giusta della storia" in sprezzo a qualsiasi obiettività giornalistica. E se ciò non fosse abbastanza, in seguito viene descritta una versione degli eventi quasi totalmente avulsa dai fatti. Si riportano delle gravissime accuse contro la polizia greca che avrebbe picchiato dei bambini, quando ciò, a nostra conoscenza, non è assolutamente stato dimostrato. Ad onor del vero, quest'ultima parte è stata virgolettata, cioè viene attribuita alla GISO, ma una testata seria non dovrebbe riportare accuse tanto gravi senza averle verificate (cosa che dubitiamo fortemente sia stata fatta).

Guarda anche 

Identità di genere: formazione dei docenti o propaganda?

Nell’ambito della rassegna “Generando-Visioni di genere” (un nome che è tutto un programma) col partenariato di vari enti governativi tra i quali...
31.05.2024
Opinioni

La Russia respinge la proposta di una mediazione svizzera, "non siete neutrali"

A margine di un dibattito aperto al Consiglio di sicurezza dell'ONU, martedì a New York si è svolto un incontro tra il ministro degli Esteri svizzero Ig...
26.01.2024
Svizzera

"Sostenendo l'Ucraina, la Svizzera ha perso il suo ruolo da mediatore internazionale"

La Russia si è rifiutata “categoricamente” di partecipare al “vertice di pace sull'Ucraina” in Svizzera, riferisce il “SonntagsZe...
23.01.2024
Svizzera

I grandi gruppi mediatici svizzeri hanno sempre meno influenza

Il sesto Monitoraggio media Svizzera rivela che l'influenza dei grandi gruppi mediatici svizzeri sull'opinione pubblica ha continuato a diminuire negli ultimi ann...
02.12.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto