Mondo, 29 febbraio 2020

Accordo tra USA e talebani, verso la fine della guerra più lunga degli Stati Uniti?

Dopo diciotto anni di guerra, Stati Uniti e talebani hanno firmato sabato un accordo a Doha, in Qatar, che apre la strada al ritiro delle truppe americane dall'Afghanistan e ai negoziati di pace, negoziati che inizieranno il 10 marzo.

Il testo è stato firmato dal negoziatore americano Zalmay Khalilzad e dal leader politico dei talebani Abdul Ghani Baradar, alla presenza in particolare del segretario di stato americano Mike Pompeo e di rappresentanti di una trentina di paesi.

Venerdì, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha esortato gli afgani a "cogliere l'occasione per la pace". Se i talebani e il governo afghano riusciranno a onorare i loro impegni, ha aggiunto, "avremo un percorso chiaro per porre fine alla guerra in Afghanistan e riportare a casa i nostri soldati".

Nel frattempo, il leader ribelle afgano Sirajuddin Haqqani ha dichiarato al New York Times che "tutti" erano "stanchi della guerra".

Le autorità afghane, alle prese a divisioni interne, sono state finora messe da parte da questi colloqui diretti senza precedenti. Ma i negoziati tra afghani dovrebbero ora iniziare relativamente rapidamente.

Donald Trump da parte sua sarà ora in grado di brandire questo accordo in vista della sua rielezione tra otto mesi, potendo affermare nella sua campagna di aver mantenuto una delle sue promesse chiave fatte quand'era ancora candidato: porre fine alla guerra più lunga della storia degli Stati Uniti.

Poco prima della cerimonia, un portavoce talebano ha dichiarato che ai loro combattenti era stato ordinato di sospendere tutte le operazioni militari in Afghanistan. La mossa arriva dopo una tregua parziale di una settimana tra gli insorti e le forze afghane e americane, durante la quale il numero di attacchi è diminuito drasticamente.

Guarda anche 

Berna vuole rinforzare la collaborazione militare con gli USA, Viola Amherd in visita a Washington

"Una violazione così massiccia e brutale del diritto internazionale come quella commessa dalla Russia non deve essere tollerata", ha dichiarato la Consig...
15.05.2022
Svizzera

In Svizzera solo perchè non può essere espulso, un estremista islamico insegna religione a giovani e bambini

Un islamista ex membro dell'ISIS che può rimanere in Svizzera solo perchè non può essere espulso insegna arabo e religione. Attivo nella moschea ...
12.05.2022
Svizzera

Roma come Wimbledon: «No ad atleti russi e bielorussi»

ROMA (Italia) – Settimana prossima prenderà il via il Masters 1000 di Roma e anche nella vicina Italia è pronto a scoppiare il caso dei giocatori russ...
26.04.2022
Sport

Assange verso l'estradizione negli USA, negato l'ultimo ricorso

Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange è un passo più vicino ad essere estradato negli Stati Uniti per affrontare il processo per le accuse di spionaggio,...
20.04.2022
Mondo