Opinioni, 21 febbraio 2020

Bellinzona sia più "Millenial"

I Millennials sono i nati tra il 1981 e il 1996. Secondo gli esperti si tratta della prima vera generazione caratterizzata da un più intenso utilizzo e una maggiore familiarità con la comunicazione, i media e le tecnologie digitali. Forse solo adesso, a 31 anni, comprendo meglio il significato e il valore di far parte di questa generazione. Ho molto bene in mente come si vive senza connessione, ma ora sono completamente dipendente e assuefatta dalla rete.
 
Ricordo ancora la perplessità di amici e conoscenti quando, nel 2007, ho acquistato il primo iPhone importato dagli Stati Uniti. Mi chiedevano cosa ci trovassi di bello, utile e comodo nel portarmi a spasso quel “mattone”. Eppure oggi eccoci qui: tutti connessi e tutti con quel “mattone” tanto deriso in tasca. Non solo gli amanti della tecnologia, ma noi tutti oggi utilizziamo la connessione quotidianamente. Chi per lavoro e chi per i motivi e nei modi più disparati: dai camerieri che prendono ordinazioni al bar, ai consulenti e venditori che cercano le informazioni in catalogo; da chi cerca l’itinerario a chi deve tradurre un termine da una lingua sconosciuta, ecc. Molti servizi pubblici sono ormai più accessibili con un’ App (applicazione per dispositivi): ad esempio i musei hanno sostituito le audio guide con gli smartphones, e in alcuni casi, certi servizi sono addirittura accessibili solo con le applicazioni.
 
Ovviamente non possiamo avere un quadro preciso di come la tecnologia influenzerà l’evolvere della nostra società in altri 10-20 anni. I vari film di fantascienza ci hanno mostrato mondi e città davvero stravaganti: pubblicità personalizzate, riconoscimento dei volti e dei gesti, software e scanner della retina e così via, da mere scene di fantascienza sono diventate realtà. Tosaerba e aspirapolveri girano indisturbati per soggiorni e giardini, le auto guidano e parcheggiano da sole… Tutte realtà già ben rodate anche alle nostre latitudini.
 
Digitalizzazione, innovazione e potenziamento tecnologico sono parole che diventano sempre più attuali. Mi chiedo che posizione intenda prendere la città di Bellinzona riguardo a certi strumenti. La comunicazione con i cittadini è fondamentale e bisognerà potenziare i servizi già esistenti in rete. Basterà un portale web (sito internet) della città per organizzarci? Basterà qualche Hotspot Wi-Fi nelle piazze più frequentate per mantenere la visione generale su un piano attuale?
 
Trasformarsi in un sistema digitalizzato non è una meta che si può raggiungere in un solo passaggio. È un processo lungo e continuo che va pianificato e accompagnato su più livelli.  La “smart city”, la città intelligente, sfrutta tecnologie avanzate per semplificare le operazioni, offrendo maggiore comodità ai cittadini e ai visitatori.
 
Sono dell’ idea che sia necessario rendere Bellinzona più interattiva per una buona qualità della vita, promuovendo iniziative di potenziamento e aggiornamento delle infrastrutture e dei servizi. Noi cittadini in primis siamo alla base della città e della sua efficienza: incoraggiare la comunità a partecipare attivamente, anche nelle nuove vie digitali, è perciò un passo essenziale che dobbiamo iniziare a metabolizzare. Con la connessione e le piattaforme multimediali digitali, tutti possono farsi sentire ed esporre esigenze e opinioni a favore di un’evoluzione che tenga prima di tutto conto del pensiero locale.

Jasmine Ben Ali
Candidata al Municipio e al Consiglio comunale di Bellinzona per la Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

Aveva gettato la moglie fuori dalla finestra, condannato a 16 anni di carcere

È stato condannato a sedici anni di carcere il 39enne eritreo a processo con l'accusa di aver ucciso la moglie facendola cadere dal quinto piano di un palazzo ...
24.12.2020
Ticino

"Senso di responsabilità: rispetto per i cittadini contribuenti"

*comunicato stampa Lega-UDC Bellinzona Oggi pomeriggio il primo cittadino Luca Madonna, rappresentante del Gruppo Lega dei Ticinesi-UDC in Consiglio comunale, ha decis...
12.12.2020
Ticino

Al via a Bellinzona il processo di un rifugiato accusato di crimini di guerra

Il Tribunale penale federale di Bellinzona processa per la prima volta un criminale di guerra, un ex leader dei ribelli liberiani. L'uomo, che di nome fa Alieu Kosiah...
09.12.2020
Svizzera

"Perchè il Municipio di Bellinzona assume agenti di sicurezza privata?"

Un concorso per l'assunzione di agenti privati di sicurezza da parte del Municipio di Bellinzona è al centro di un'interpellanza del gruppo Lega – UD...
04.12.2020
Ticino