Svizzera, 20 febbraio 2020

Pirata della strada condannato a 5 anni di carcere e a pagare 30'000 franchi

Un motociclista di 26 anni che ha commesso molteplici infrazioni contro la legge sulla circolazione stradale è stato condannato martedì a quattro anni e undici mesi di carcere dal tribunale cantonale di Lucerna. L'elenco delle sue infrazioni è abbastanza lunga da riempire una pagina.
Nel 2014, 2015 e 2017, l'uomo è stato pizzicato in eccesso di velocità, a fare sorpassi pericolosi e guidando in contromano. Nonostante il ritiro della patente ha continuato a guidare. Ha inoltre falsificato le sue targhe e non ha seguito le istruzioni della polizia sulla manutenzione della sua moto.

Oltre alla lunga lista di infrazioni stradali, il 26enne è stato anche condannato per non aver rispettato il divieto di
accendere fuochi durante l'estate del 2018 a Eigenthal (LU). Nonostante il divieto l'uomo aveva acceso una griglia. Allertata, la polizia era riuscita a convincerlo a spegnere il fuoco dopo lunghe discussioni con la polizia, ma ha insultato gli agenti mentre se ne stava andando.

Il tribunale lo ha quindi condannato a quattro anni e undici mesi di carcere. L'uomo dovrà inoltre pagare una 20 aliquote giornaliere di 130 franchi (2'600 franchi) e una multa di 800 franchi. I costi del processo, a a carico del condannato, ammontano a quasi 27'000 franchi.
Il procuratore aveva richiesto 42 mesi di carcere. La sentenza non è ancora definitiva e le parti hanno ancora la possibilità di presentare ricorso.

Guarda anche 

Espulsi dalla Svizzera i tre giocatori che picchiarono un arbitro

Cartellino rosso per i tre giocatori kosovari del FC Tordoya che nel 2018 aggredirono brutalmente un arbitro, durante una partita di quinta lega al centro sportivo di Eva...
15.04.2021
Svizzera

Tra vento e rigori… il Lucerna costa 3'000'000 al Lugano

LUGANO – Se il Lugano ha ripreso a volare in campionato, tanto da occupare il terzo posto in classifica, martedì a volare è stato il pallone che, sosp...
15.04.2021
Sport

Rubava auto in Ticino e le rivendeva: condannato ed espulso

Un 30enne rumeno comparso ieri in aula penale a Lugano è stato condannato a 16 mesi di detenzione da espiare e a 5 anni di espulsione dalla Svizzera. L’uo...
10.04.2021
Ticino

I figli non possono andare all'asilo perchè non vaccinati, "giusto così" per la CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha stabilito giovedì che la vaccinazione obbligatoria è "necessaria in una società democratica...
08.04.2021
Mondo