Ticino, 14 febbraio 2020

Piattaforma cantonale di prevenzione della radicalizzazione e dell'estremismo violento, un altro successo (anche) del DI

Dopo un anno di attività, la Piattaforma cantonale di prevenzione della radicalizzazione e dell’estremismo violento è stata sollecitata in 15 casi che hanno richiesto un’attenta valutazione. Il Dipartimento delle istituzioni traccia un bilancio positivo delle misure attuate dalla Piattaforma di prevenzione e dal portale stopradicalizzazione.ch. Oltre a una gestione confidenziale, mirata e individuale delle situazioni in legame con un processo di radicalizzazione, la Piattaforma cantonale ha avviato un progetto pilota di prevenzione rivolto ai docenti del Centro professionale e tecnico (CPT) di Trevano, con l’obiettivo di estenderlo nel corso di quest’anno ad altri importanti ambiti che si occupano di formazione o che sono in contatto con giovani e persone fragili. Per il 2020, la Piattaforma di prevenzione della radicalizzazione ed estremismo violento ha ricevuto il sostegno della Confederazione nell’ambito del Piano d’azione nazionale (PAN) per prevenire e combattere la radicalizzazione e l’estremismo violento.

La Piattaforma cantonale di prevenzione della radicalizzazione coinvolge tre dipartimenti, DI, DECS e DSS, ed è stata sviluppata con l’obiettivo di prevenire le vulnerabilità che possono spingere una persona a essere attirata da ideologie o movimenti che giustificano una forma di violenza per perseguire i propri fini.

Allo scopo di fornire informazioni specialistiche per rispondere a inquietudini e interrogativi di cittadine e cittadini, ma anche aiutare docenti, funzionari, professionisti interpellati da questioni attinenti alla radicalizzazione a matrice violenta, il Cantone ha aperto nel novembre 2018 il portale stopradicalizzazione.ch (modulo di contatto: stopradicalizzazione@ti.ch) e una permanenza telefonica (+41 79 953 46 82).

È importante ricordare che la Piattaforma è un dispositivo a carattere preventivo composto da figure professionali attive in campo educativo, sociale, giuridico e presso la Magistratura dei minorenni, che collaborano nella gestione confidenziale dei casi di sospetta radicalizzazione e di estremismo e nella promozione di progetti di prevenzione. Tra questi una formazione pilota proposta in collaborazione con il DECS e la Divisione della formazione professionale ai docenti del CPT di Trevano si occupa in particolare della sensibilizzazione e della formazione del personale insegnante e sarà estesa dal 2020-2021 ad altre sedi. Inoltre due pubblicazioni sul tema della radicalizzazione con consigli rivolti alla popolazione e ai genitori, nonché un video, sono consultabili sul sito stopradicalizzazione.ch.

Dal novembre 2018, il portale stopradicalizzazione e la helpline hanno ricevuto 15 segnalazioni, riassunte in 8 situazioni diverse. La maggioranza delle situazioni riguardava il fenomeno dell’estremismo di destra e in alcuni casi erano legate all’islam radicale. Le segnalazioni provengono principalmente da privati.

Nel merito si osserva come questi casi coinvolgano perlopiù giovani adulti e di sesso maschile. Solo in un caso la segnalazione ha costituito un pericolo concreto e seguendo il principio di precauzione ha dovuto essere segnalato alla polizia.

Inoltre, in questo anno di attività, un’intensa rete di contatti con operatori, professionisti, associazioni e istituzioni attive sul territorio è stata intrecciata grazie all’ottima collaborazione interdipartimentale e con la Città di Lugano.

La prevenzione di ogni forma di radicalizzazione politica e religiosa è un obiettivo importante per il Cantone. È indispensabile poter continuare a sviluppare un dispositivo basato sulla prevenzione in ogni ordine, sociale ed educativo, allo scopo di consentire un riconoscimento precoce dei segnali di radicalizzazione prima che la persona possa adottare comportamenti violenti. 

Guarda anche 

Coronavirus, "le scuole riapriranno regolarmente"

BELLINZONA – Il Consiglio di Stato ha preso atto delle misure decise oggi dal Consiglio federale per rallentare la diffusione del Coronavirus in Svizzera. La sit...
28.02.2020
Ticino

Una settimana di festa al Lungolago di Locarno

Al Ristorante Bar Lungolago di Locarno è tempo di far festa. Dopo i festeggiamenti per il carnevale, il locale di Bruno D’Addazio non si ferma e propone una ...
28.02.2020
Ticino

"A Bellinzona dobbiamo essere più severi con le naturalizzazioni"

Oggi incontriamo Lelia Guscio, Consigliere comunale uscente di Bellinzona che il prossimo 5 aprile si ripresenta per un nuovo mandato. Signora Guscio, può prese...
28.02.2020
Ticino

Coronavirus, "dimesso il primo paziente ticinese"

La Direzione della Clinica Luganese Moncucco segnala che in data odierna, come da disposizioni del Medico cantonale, il paziente affetto da Coronavirus ha potuto esser...
28.02.2020
Ticino