Mondo, 28 gennaio 2020

In Germania è allarme antisemitismo, "gli ebrei se ne andranno in massa se non facciamo qualcosa"

Gli ebrei lasceranno la Germania "in modo massiccio" se non si fa nulla per combattere la rinascita dell'antisemitismo, ha avvertito domenica il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas (nella foto).

"Dobbiamo prendere misure di emergenza (per evitare) una partenza di massa degli ebrei dalla Germania", ha scritto Heiko Maas in un'editoriale dello "Spiegel", alla vigilia del 75esimo anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz.

Un ebreo su due ha già preso in considerazione l'idea di lasciare il Paese, ha aggiunto, aggiungendo che insulti e attacchi antisemiti si verificano ormai quotidianamente in Germania. La lotta all'antisemitismo sarà una priorità per la Germania, che assume la presidenza di turno dell'Unione europea a luglio e la presidenza del Consiglio d'Europa a novembre, ha poi assicurato Maas.

La comunità ebraica e i siti ebraici dovrebbero essere meglio protetti "ovunque
in Europa", ha affermato, annunciando che la Germania avrebbe contribuito all'OSCE con 500'000 euro nel 2020 all'Organizzazione (Organizzazione per la Sicurezza e cooperazione in Europa) per combattere il fenomeno.

Sui motivi e le cause che hanno portato a questo aumento dell'antisemitismo nel paese Maas è invece stato meno loquace ma secondo il deputato Philip Amthor, che come Maas fa parte della CDU della cancelliera Angela Merkel e che si esprimeva all'emittente n-tv sulle affermazioni di Maas, l'antisemitismo è “prima di tutto un problema di cultura islamica”. Affermazione che è difficile corroborare con i dati ufficiali, in quanto le aggressioni contro ebrei in Germania commesse da musulmani vengono classificate come attacchi di “estrema destra”. Uno studio (vedi qua) condotto dall'Università di Olso, in cui le aggressioni da parte di musulmani sono una voce a sè, tuttavia, conferma in larga parte quanto affermato da Amthor.

Guarda anche 

Sparatoria ad Agno, un furto di 80mila franchi alla base di tutto

Nuovo giorno, nuovi dettagli. Emergono nuovi elementi in merito al fatto di sangue avvenuto domenica ad Agno e che ha come protagonisti padre e figlio. Stando a quanto...
09.08.2022
Ticino

Sgarbi torna ad attaccare il Ticino: "Polizia bugiarda"

Non si placa la furia di Vittorio Sgarbi contro il Ticino e la polizia (vedi articoli correlati). Il critico d’arte è tornato sulla vicenda pubblicando du...
09.08.2022
Ticino

Approvvigionamento energetico, le AIL stoccano gas dall'Italia in caso di penuria

Per cercare di contrastare la situazione di potenziale grave penuria nella fornitura di gas naturale già nell’inverno 2022/2023, il 18 maggio 2022 il Cons...
09.08.2022
Ticino

Lugano ricorda Marco Borradori a Palazzo Civico

Giovedì 11 agosto, la Città di Lugano si raccoglie in ricordo del Sindaco Marco Borradori (1959-2021). Nel giorno del primo anniversario della prematura ...
09.08.2022
Ticino