Sport, 27 gennaio 2020

Senza punta… e senza punti: il Lugano dura 45’

La ripresa del campionato ha evidenziato, se ce ne fosse bisogno, la necessità di un attaccante da inserire nello scacchiere tattico di Jacobacci. L’1-3 di San Gallo ha mostrato una squadra dai due volti

SAN GALLO – Un tempo per parte. 3 reti per una squadra, 1 sola per l’altra: di conseguenza, i primi 3 punti della prima giornata del girone di ritorno del campionato di Super League se li è accaparrati il San Gallo. E non ci sarebbe nulla di male, vedendo la classifica delle due squadre – con i bianco verdi clamorosamente in lotta per il titolo e con il Lugano impegnato a conquistare i punti per una salvezza tranquilla – ma la partita di ieri del Kybunpark per 45’ ha detto ben altro.

La sfida, infatti, ha evidenziato due cose in particolare: ai bianconeri manca una punta e che in questo momento la condizione fisica è quella che è. Sì perché questo Lugano gioca bene, crea molto, sa sfruttare i movimenti e gli spazi che gli vengono offerti, ma in fase offensiva gli manca un bomber, gli manca un terminale, gli manca un uomo da 15 reti a stagione. Sarà Da Cruz – sempre se arriverà – la pedina mancante a questa squadra? I tifosi bianconeri lo sperano. I tifosi, però, ieri si saranno mangiati le mani a vedere nel primo tempo Holender sprecare una clamorosa occasione da rete e tutti quei palloni messi in area avversaria a cercare un attaccante che, a conti fatti, manca. Se deve segnare Bottani
di testa…

Ma non c’è solo del negativo in quello che emerso da quel campo che non è mai stato molto amico dei bianconeri, Europa League inclusa. Per 45’ si è vista una squadra spavalda, capace di dettare gioco e ritmo, capace di intimorire la seconda forza del campionato e di metterla nell’angolo. Poi però la benzina è finita e la verve si è spenta, specialmente a partire dal 55’, ovvero dal pareggio di Demirovic e dalla mezza papera di Baumann.

Un peccato perché la doppietta di Ruiz ha sancito una sconfitta che, per quanto ammirato nel primo tempo, si poteva serenamente evitare. Ma al Lugano è mancata la forza di reazione una volta incassato il primo schiaffo, è mancato l’apporto dell’assetto difensivo in occasione del 2-1, è mancato Baumann sul 3-1 e gli è mancato peso offensivo.

Di tempo per intervenire sul mercato ce n’è, non tanto, ma ce n’è. Toccherà allo staff tecnico e dirigenziale muoversi con decisione, ma la sconfitta di ieri non deve intimorire nessuno: se il San Gallo è lì su in alto e in stagione ha sempre battuto il Lugano… qualche motivo ci sarà.

Guarda anche 

Casinò Lugano: si riparte!

Lugano: Sono passati 2 mesi e mezzo da quel 12 marzo in cui l’Ordinanza del Consiglio Federale aveva disposto la chiusura di tutte le attività di intr...
29.05.2020
Ticino

"Sul polo sportivo non cadiamo nel tranello di litigare"

Ho letto le parole di Fulvio Pelli sul Corriere del Ticino in merito al polo sportivo. Mi sembrano le prime avvisaglie ad un possibile ricorso che spero non arriver&ag...
26.05.2020
Opinioni

Summer Jamboree on the Lake e la mostra Rock’n’Roll is a State of the Soul vi aspettano nel 2021

L’evento anni ‘50 tanto atteso sulle rive del Ceresio previsto per la prima volta in Svizzera, dal 4 al 7 giugno 2020, non avrà luogo, nel rispe...
13.05.2020
Ticino

Casinò Lugano, non si molla e si resta online!

Nonostante la chiusura a causa della pandemia il Casinò Lugano è sempre attivo sul sito ufficiale, sulle pagine social Facebook e Instagram, sui giornali...
04.05.2020
Ticino