Svizzera, 23 gennaio 2020

Gli svizzeri dovranno votare sul congedo paternità di due settimane (e forse anche su quello di quattro settimane)

Gli svizzeri dovranno probabilmente esprimersi sul congedo paternità di due settimane, e forse anche su quello di quattro settimane. Il comitato referendario ha infatti annunciato di aver raccolto le 50'000 firme necessarie perchè le due settimane di congedo siano sottoposte al voto popolare. Manca ancora tuttavia la convalida della Cancelleria federale, in quanto le sottoscrizioni raccolte sono state depositate unicamente giovedì.

Il referendum è stato lanciato dall'UDC, da alcuni membri dei giovani radicali liberali e del PPD. Per gli oppositori del congedo, la misura è troppo costosa per dipendenti e datori di lavoro.

Il testo prevede due settimane da prendere entro sei mesi dalla nascita del bambino, sia in blocco che come giorni separati. Questi giorni di vacanza addizionali sarebbero finanziati attraverso la perdita di indennità di guadagno (APG). Solo i padri i cui figli sono nati dopo l'entrata in vigore del testo potranno reclamarlo, ha affermato all'agenzia Keystone-ATS l'Ufficio federale delle assicurazioni sociali.

L'onere finanziario sarebbe di 230 milioni di franchi all'anno. L'attuale tasso di contributo APG (0,45%) dovrebbe essere aumentato di 0,05 punti. Sul salario medio svizzero (6'500 franchi al mese), ciò rappresenta 3,90 franchi al mese, di cui 1,95 a carico del dipendente.

Il popolo dovrà prima esprimersi sul congedo di due settimane, la cui votazione non avrà luogo prima del mese di settembre. Nel caso in cui dalle urne dovesse uscire un NO, gli svizzeri sarebbero chiamati a votare sull'iniziativa popolare per un congedo di quattro settimane, ha dichiarato la Cancelleria federale. Questo testo era stato ritirato in ottobre dall'associazione che riunisce le organizzazioni ombrello Travail.Suisse, männer.ch, Alliance F e Pro Familia Svizzera, a condizione che il referendum sul congedo di due settimane non abbia successo.

Guarda anche 

Sezioni giovanili lanciano il referendum contro la "Lex Netflix"

La cosiddetta "Lex Netflix" potrebbe passare dal voto popolare. Le sezioni giovanili del PLR, dell'UDC e dei Verdi liberali hanno annunciato oggi di aver la...
13.10.2021
Svizzera

"No ai media di stato", si andrà a votare sul pacchetto di aiuti ai media

Si andrà quasi sicuramente a votare sul pacchetto di aiuti ai media. Il comitato referendario ha infatti depositato mercoledì ben 113'085 firme a Berna,...
06.10.2021
Svizzera

Votazioni cantonali, sì alla legittima difesa

Oltre ai due oggetti federali, in Ticino si votava anche su tre iniziative popolari cantonali: “Basta tasse e basta spese, che i cittadini possano votare su certe s...
26.09.2021
Ticino

"No ai media di stato", riuscito il referendum contro il credito di 178 milioni alla stampa

La raccolta firme per il referendum contro il credito 178 milioni di franchi ai media sarebbe riuscita, secondo quanto riferisce il comitato "No ai media di stato&qu...
09.09.2021
Svizzera