Ticino, 21 gennaio 2020

Nebiopoli, un Carnevale innovativo: "Basta stelle filanti versione spray"

Un Nebiopoli che partirà prima e che dichiara guerra alle stelle filanti: domani verrà presentata ufficialmente la nuova edizione, ma nel frattempo il Carnevale chiassese punta i fari sulla campagna di sensibilizzazione “contro l'utilizzo delle stelle filanti spray all'interno dei nostri cortei. Si tratta dell'ennesimo passo effettuato dal Comitato Direttivo del Carnevale Nebiopoli a favore dell'ambiente”.

“Nebiopoli è stato il primo grande carnevale a livello cantonale ad operare la scelta di utilizzare i bicchieri rilevabili, quanto abbiamo attuato nell'edizione 2019 grazie alla modernità del Municipio di Chiasso ha permesso di lanciare una sfida di innovazione a livello Cantonale che ha costretto tutti i maggiori eventi ad apportare dei cambiamenti”, ricorda un comunicato. Da quest’anno la novità del bicchiere ci sarà anche al Rabadan. Ma ora Nebiopoli guarda oltre. “Vogliamo essere nuovamente innovatori proponendo a partire da oggi una campagna di sensibilizzazione in merito all'utilizzo delle stelle filanti spray. Tutti credono che questo sia un gadget amato dal mondo del carnevale ma in realtà non è così! Danneggia i carri, danneggia gli strumenti, crea problemi a chi sfila ai cortei ed è comunque dannoso (se non rispetta i criteri di conformità fissati in Svizzera) e sicuramente molto inquinante. Nebiopoli ha saputo quindi raccogliere il reclamo di chi sfila ai cortei che spesso termina imbrattato di questo prodotto con magari anche dei danni da dover riparare. Capita sovente che se spruzzato negli occhi questo prodotto possa creare seri problemi alla persona che subisce questa situazione”.

Dunque, “lanciamo una campagna di sensibilizzazione per rendere attento al pubblico dei cortei che in realtà chi sfila non ama molto essere imbrattato in questo modo. Questo progetto verrà promosso tramite stampa, tramite social media e tramite della cartellonista che verrà posata alle entrate del corteo. Ci piacerebbe estendere il progetto a tutti gli altri carnevali del Cantone, motivo per cui contatteremo i rispettivi comitati per valutare la disponibilità ad aderire all'iniziativa. Proporremo la stampa di striscioni con lo stesso messaggio riportanti i loghi dei rispettivi carnevali, che potremo passarci durante le manifestazioni. Nebiopoli sarà il primo ad affiggerli trattandosi del primo carnevale, lo stesso striscione sarebbe poi trasmesso agli altri carnevali”.

Insomma, una battaglia da estendere a tutti il Cantone. “La vendita di questo prodotto da parte degli ambulanti presso il corteo Nebiopoli 2020 sarà permessa solamente tramite prodotti conformi alle legislazioni vigenti, verranno effettuate delle verifiche in questo senso. Siamo alla ricerca di volontari che vogliano durante il corteo occuparsi della sensibilizzazione del pubblico in merito a questo tema. Gli interessati possono candidarsi all'indirizzo e-mail infonebiopoli@gmail.com, nella speranza che qualche associazione attiva in questo campo voglia sostenerci fornendoci dei volontari impegnati in questa tipologia di sensibilizzazione.

A partire dal 2021 invece si valuterà il divieto di introdurre questo prodotto e soprattutto la vendita agli ambulanti presenti all'interno del perimetro del corteo”, termina la nota.

Guarda anche 

Gobbi: "Non sta passando il messaggio di non venire in Ticino"

“Il messaggio di non venire in Ticino non sta passando”. Lo ha affermato il Consigliere di Stato Norman Gobbi ai microfoni di Radio 3i ammonendo i Confederati...
06.04.2020
Ticino

Coronavirus, in Ticino dimessi altri 10 pazienti in 24 ore

Lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta (SMCC) e l'Ufficio del Medico cantonale comunicano che in Ticino, nelle ultime ventiquattro ore, sono stati registrati 12...
06.04.2020
Ticino

Bodio, a velocità folle sull'A2: denunciato un 20enne

La Polizia cantonale comunica che nell'ambito di un controllo della velocità effettuato, ieri verso le 16:20, sull'autostrada A2, in territorio di Bodio, &...
06.04.2020
Ticino

Scuole chiuse, il DECS fa chiarezza: "Anno e calendario sono validi"

Il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) ha inviato oggi a tutti gli istituti scolastici delle direttive sulla conclusione dell’...
06.04.2020
Ticino