Svizzera, 16 dicembre 2019

Sri Lanka, dipendente dell'ambasciata svizzera arrestata

La polizia dello Sri Lanka ha arrestato un'impiegata srilankese dell'ambasciata svizzera a Colombo lunedì. In precedenza, quest'ultima aveva sostenuto di essere stata rapita brevemente e minacciata da persone sconosciute, rapimento che le autorità locali hanno ritenuto “non credibile”.
Secondo la diplomazia svizzera, la collaboratrice è stata rapita in un'auto e costretta a rivelare informazioni riservate relative al suo lavoro alla fine di novembre, esattamente un giorno dopo che un alto funzionario della polizia dello Sri Lanka aveva presentato domanda di asilo in Svizzera .

Il suo caso è al centro di un incidente diplomatico tra Berna e Colombo. Lo Sri Lanka mette in discussione il racconto della donna, mentre le autorità svizzere hanno descritto il caso come "molto grave" e che "costituisce un attacco inaccettabile".

Il procuratore generale dello Sri Lanka ha chiesto alla polizia di arrestare la dipendente "e consegnarla alla giustizia per aver alimentato la disaffezione nei confronti del governo srilankese e aver fabbricato false prove per l'uso in procedimenti giudiziari", hanno annunciato lunedì le autorità dello Sri Lanka.

Non è stato immediatamente chiaro se la donna fosse stata formalmente accusata. Era già stata interrogata dalla polizia per diversi giorni dopo l'inizio del caso ed era stata sottoposta a esami medici come ordinato da un tribunale.

Secondo quanto riferisce il “DailyMirror online”, ripreso da “Le Matin”, la donna sarebbe stata messa in detenzione preventiva fino al 30 dicembre.

Il funzionario di polizia che è fuggito in Svizzera stava indagando su diversi casi riguardanti il ​​potente clan Rajapaksa, tornato al potere con l'elezione di Gotabaya Rajapaksa a Presidente della Repubblica il mese scorso. Suo fratello Mahinda, presidente dal 2005 al 2015, è stato nominato Primo Ministro.

Guarda anche 

"Il disinfettante sequestrato dall'Italia era destinato anche al Ticino?"

Il gel disinfettante sequestrato negli scorsi giorni da doganieri italiani (vedi articoli correlati) era destinato anche al Ticino? Se lo chiede il granconsigliere Massim...
08.04.2020
Ticino

Disinfettante sequestrato dall'Italia, "spero sia un errore di comunicazione"

Si dice stupito il granconsigliere Massimiliano Robbiani nell'apprendere del sequestro, da parte di doganieri italiani, di decine di migliaia di confezioni di gel igi...
07.04.2020
Svizzera

Gli svizzeri (e i ticinesi) rimangono a casa? La risposta di Google

Lo scorso venerdì google ha pubblicato i dati sui movimenti dei suoi utenti in 131 paesi. Come si vede nel grafico sotto, in Svizzera i movimento verso il posto la...
05.04.2020
Svizzera

“Non ho più sintomi, eppure il tampone è ancora positivo”. Moglie e figli sono in Svizzera

ROMA (Italia) – Sono passati circa 10 giorni da quando Nicola Porro, noto giornalista italiano, ha annunciato di aver contratto il coronavirus. Le sue condizioni or...
23.03.2020
Magazine