Svizzera, 02 dicembre 2019

Dieci anni fa il popolo svizzero vietò la costruzione di minareti, "una battaglia di tutti i paesi democratici"

Dieci anni fa, più precisamente il 29 novembre, il popolo svizzero accolse a larga maggioranza il divieto di edificazione di minareti. Un sì che, si disse, rappresentò un voto contro un establishment politico che quasi all’unanimità aveva chiesto di opporsi all'iniziativa, oltre che un'opposizione all'avanzata del islamismo in Svizzera. Di seguito proponiamo un'intervista del portale francese "Riposte laique" a Oskar Freysinger, uno dei principali promotori dell'iniziativa, in occasione dei dieci anni dallo storico voto.

Riposte laique: Sono passati dieci anni da questo famoso voto svizzero sui minareti. Potrebbe, per i nostri lettori più giovani e più recenti, ricordarne la storia?

Oskar Freysinger: Nonostante l'opposizione della popolazione, del municipio e del consiglio comunale, l'autorità giudiziaria aveva deciso di autorizzare la costruzione di un minareto nel comune di Wangen. Per evitare tale negazione della democrazia in futuro, era necessario un cambiamento costituzionale. Da lì è nata l'idea di un'iniziativa popolare.

RS: Cosa l'ha colpito di più di quella campagna, che è stata decisamente animata, soprattutto sui televisori?

Oskar Freysinger: la malafede dei nostri avversari, i loro insulti, la loro servilità e la loro codardia nei confronti dell'Islam, nonché il divieto dei nostri manifesti in molti luoghi.

RS: Questa vittoria, che ha sorpreso tutti gli osservatori, ha cambiato la situazione e ha rallentato l'avanzata dei musulmani più radicali in Svizzera?

OF: È stato un momento storico, nel senso che un popolo libero significava per la prima volta all'Islam che non potevano prendersi lo spazio pubblico. E questo ben prima degli attacchi di Nizza e Bataclan! Successivamente, altre nazioni hanno seguito l'esempio vietando il velo islamico e così via.

RS: Un anno dopo, era l'ospite principale della nostra conferenza contro l'islamizzazione in Francia. Aveva ricevuto un'eccezionale ovazione da parte del pubblico. L'ha sorpreso?

OF: Sì, la sorpresa è stata grande, perché non mi rendevo conto di quanto la mia lotta trascendesse i confini e riguardasse tutti i paesi democratici. Entrando nella stanza, rimasi sbalordito dalla "standing ovation" di un migliaio di persone e dalla scansione del mio nome in tutte queste bocche. Che emozione, quel giorno!

RS: L'UDC, il suo partito, ha beneficiato di questa vittoria? È più forte di dieci anni fa?

OF: Rimane di gran lunga il primo partito nel paese, nonostante un calo delle recenti elezioni, fortemente influenzato dalla manipolazione dei media che circonda l'"onda verde". Ma sono fiducioso, perché nel tempo non serve a nulla distogliere l'attenzione della gente per evitare di risolvere un problema. Il problema migratorio e l'islamizzazione dilagante, persino galoppante, si manifesteranno crudelmente nei prossimi anni e aumenteranno i nostri consensi.

RS: A differenza di Francia, Germania, Gran Bretagna o Spagna, il suo paese non è stato ancora toccato dal terrorismo islamico. Come lo spieghi?

OF: Perché non siamo una ex potenza coloniale, né un membro della NATO. Siamo protetti dalla nostra neutralità. Nessun soldato svizzero ha partecipato agli interventi della NATO in Iraq, Libia, Afghanistan o Siria. Per quanto riguarda il voto sui minareti, è stato compreso e accettato nei paesi musulmani. "Dar Harb" è soggetto ad altre regole oltre a "Dar Islam" ("Dar Harb" è il termine islamico per definire un territorio extraislamico nel quale è lecito e doveroso condurre il jihad mentre "Dar Islam" è un territorio in cui l'Islam è la religione dominante) .

RS: Sembra che abbia fatto un passo indietro dalla politica negli ulimi anni. Che cosa fa adesso?

OF: Finalmente faccio quello che amo di più al mondo: scrivere. Dal mio parziale ritiro dalla politica, ho pubblicato tre libri, uno intitolato "le côté obscur de la lumière", che descrive la mia esperienza politica in modo filosofico e poetico, e un altro, "cendre rouge ", un'opera d'arte. collega romanzi epici e thriller, che si svolgono tra il 1917 e il 1951 in URSS. È allo stesso tempo un manifesto contro il pensiero totalitario.


(Intervista tradotta dal francese, il testo originale è disponibile sul sito lesobservateurs.ch cliccando qui)



Guarda anche 

"Gli americani hanno bisogno di una guida sicura e affidabile”

Per capire l’ aria che tira negli Stati Uniti alla vigilia delle elezioni presidenziali (Trump vs Biden) Mattino della Domenica ha sentito un giovane imprenditore t...
19.10.2020
Mondo

In migliaia a Parigi per ricordare il docente ucciso da un rifugiato musulmano

Migliaia di persone si sono riunite a Parigi domenica pomeriggio per una manifestazione di solidarietà per il brutale assassinio di un insegnante per mano di un ri...
19.10.2020
Mondo

Una svizzera uccisa da un gruppo islamico in Mali

Una cittadina svizzera rapita quattro anni fa in Mali è stata uccisa dai suoi rapitori, un gruppo islamico vicino a Al Qaida. Il Dipartimento federale degli affari...
10.10.2020
Svizzera

L'accoltellamento di Morges era un attentato terroristico, "vendetta contro lo Stato svizzero"

L'autore presunto dell'accoltellamento di Morges (vedi articoli correlati) era sotto osservazione dalla polizia federale per possibili legami con il terrorismo is...
17.09.2020
Svizzera