Svizzera, 29 novembre 2019

Psicoterapeuta salva uno stupratore dall’espulsione

Era stato espulso dalla Svizzera dopo una condanna a 3 anni di detenzione per stupro, coazione sessuale, esposizione a pericolo della vita altrui, lesioni semplici e contravvenzione alla legge federale sugli stupefacenti. Ma è riuscito a scampare l’espulsione grazie al rapporto di uno psicoterapeuta che l’ha ritenuto “profondamente pentito”.

Protagonista della vicenda è un 29enne francese che vive nel canton Vaud. Non ha una formazione, non ha mai avuto un lavoro stabile ed è stato per più periodi in assistenza. Sin da giovane ha subito diverse lievi condanne. Poi nel 2017 è finito in carcere per violenze sessuali. Le autorità vodesi hanno quindi deciso di revocargli il permesso di domicilio e gli hanno intimato di lasciare la Svizzera una volta scontata la pena.

Non avevano fatto i conti con il Tribunale federale. Il francese ha esibito un certificato medico redatto da uno psicoterapeuta nel quale si diceva che era “profondamente pentito” che “si vergognava molto per quanto fatto” e che il rischio di recidiva poteva essere considerato “debole se non nullo”. Lo stesso certificato era stato considerato ininfluente dalle autorità vodesi. Ma il Tribunale federale, come si legge nella sentenza pubblicata oggi, ha stabilito che il rischio di recidiva dell’uomo deve essere rivalutato prima di poter eventualmente decidere una sua espulsione. All’uomo è pure stata riconosciuta un’indennità di 2’500 franchi per le spese sostenute in sede ricorsuale.

Guarda anche 

Condannato per discriminazione razziale per aver insultato gli stupratori della sua amica

Insulta gli stupratori della sua amica e viene condannato. Uno dei quattro uomini condannati per lo stupro di una transessuale di 27 anni a Vevey nel canton Vaud (vedi ar...
18.01.2020
Svizzera

Avevano occupato il Credit Suisse "per il clima" e criticare Federer, tutti assolti

Il tribunale distrettuale di Renens ha assolto un gruppo di dodici attivisti pro-clima che avevano partecipato a novembre 2018 all'occupazione dei locali del Credit S...
14.01.2020
Svizzera

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera

Omicidio di Yverdon, il fidanzato confessa

Il 19enne arrestato in seguito al ritrovamento del corpo di una 17enne afghana a Yverdon-les-Bains (vedi articoli correlati), ritrovamento avvenuto il 6 gennaio, ha ammes...
10.01.2020
Svizzera