Svizzera, 22 novembre 2019

Espulsa nel 2005, è ancora in Svizzera

Sarebbe dovuta tornare in Turchia già nel 2005, visto che la sua domanda d’asilo era stata respinta. Ma è ancora in Svizzera. Grazie a una lunga serie di ricorsi, domande di revisione e di riesame, l’ultimo dei quali presentato nel maggio scorso dall’avvocatessa Catalina Mendoza del servizio giuridico di Caritas Svizzera.

La Segreteria di Stato della migrazione (Sem) è riuscita perlomeno a rimpatriare suo marito nel 2018. La quarta domanda di revisione era stata respinta e l’uomo era stato caricato con la forza su un aereo diretto in Turchia. Ma in quegli stessi giorni la donna era riuscita a presentare una quinta domanda di revisione, presentando presunti nuovi elementi a sostegno della domanda d’asilo sua e dei suoi due figli. La loro espulsione era quindi stata nuovamente sospesa.

Ma nell'aprile scorso la Sem ha respinto anche la quinta domanda di revisione. La donna
ha quindi nuovamente ricorso al Tribunale amministrativo federale. Ma anche i giudici, come si legge in una sentenza pubblicata oggi, hanno confermato che l’espulsione della donna e dei suoi due figli è eseguibile.

“Va ricordato che il tempo trascorso nella clandestinità o al beneficio di una semplice tolleranza non può essere considerato nell’apprezzamento” scrivono i giudici in risposta alla donna che diceva di essersi integrata, alla pari dei figli, sottacendo però che uno di loro era già stato condannato due volte dal Ministero pubblico.

In teoria quindi ora la donna dovrebbe raggiungere il marito in Turchia insieme ai due figli. In teoria, a meno che la Caritas Svizzera non dovesse trovare un altro sotterfugio legale per prolungare a oltranza una permanenza illegale durata già ben quattordici anni, ovviamente a carico dei contribuenti.

Guarda anche 

Condannati gli attivisti pro clima che avevano occupato una filiale del Credit Suisse

I dodici attivisti pro clima che avevano occupato una succursale del Credit Suisse nel 2018 e che erano stati assolti nel processo di primo grado lo scorso gennaio sono f...
25.09.2020
Svizzera

Nascose il fratello dopo l'omicidio, licenziato dall'amministrazione cantonale

È definitivo il licenziamento dall’amministrazione cantonale di un 38enne svizzero kosovaro domiciliato a Monte Carasso, fratello di uno dei cinque condannat...
22.09.2020
Ticino

Il suo cane morde il figlio di un politico, lui chiede asilo in Svizzera

Ha detto di essere scappato dal suo paese a causa di un morso. Il giovane, un cittadino afgano, ha spiegato di aver deciso di chiedere asilo politico in Svizzera dopo che...
20.09.2020
Svizzera

Frontaliere con 16 condanne penali non potrà più lavorare in Ticino

Pretendeva di poter continuare a lavorare in Ticino nonostante avesse sulle spalle ben 16 condanne penali. Ma anche il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM) ha confer...
18.09.2020
Ticino