Sport, 19 novembre 2019

A Euro 2020 ci siamo: ora proviamo il salto di qualità

La Svizzera ha centrato una qualificazione che sembrava anche complicata ma che in realtà è sempre stata alla sua portata: ora in giro per l’Europa dovrà dimostrare di non essere la solita “piccola” Svizzera

GIBILTERRA (Gibilterra) – Sarebbe stato un vero e proprio terremoto calcistico e sportivo se ieri sera la Svizzera non avesse centrato la qualificazione in casa della modestissima Gibilterra e il 6-1 finale, dopo un primo tempo davvero bruttissimo, fotografata completamente la differenza di valori tra le due formazioni in campo. La Nazionale si è così qualificata per la quarta volta consecutiva a un grande evento internazionale, Mondiale o Europeo, (un record) e per la quinta volta parteciperà al torneo continentale per nazioni. Un vanto, un grande punto di partenza, un importante e ulteriore passo in avanti di un gruppo che, guidato da Petkovic, ha fatto enormi passi in avanti e sta alzando sempre più l’asticella.

Se i veterani, Xhaka, Shaqiri e Rodriguez stanno attraversando momenti complicati nei loro club, trovando poco spazio e infortunandosi spesso, se Akanji sta affrontando le prima difficoltà in quel di Dortmund ora che gioca anche in Champions League, l’ex allenatore del Bellinzona è stato bravo ad attingere anche dal nostro campionato, sfruttando il momento propizio di alcuni giocatori, leggasi Itten, scesi in campo con la maglia della Nazionale proprio nel momento topico del loro stato fisico ed emotivo. Anche questo deve saper fare un selezionatore, e in questo Petkovic è stato bravissimo.

La qualificazione, in un gruppo comunque non così complicato, è sempre stata in mano ai rossocrociati, anche dopo il 3-3 interno contro la Danimarca e la sconfitta per 1-0 incassata a Copenaghen: battere l’Irlanda in casa, dopo aver strappato un importante pari a Dublino, è stato il risultato che ha messo in discesa la nostra strada. Una strada diventata serena e tranquilla ieri sera anche grazie al pareggio maturato proprio tra i The Boys in Green e gli scandinavi: col primo posto ottenuto nel girone, il prossimo 30 novembre saremo in seconda fascia nel sorteggio che si terrà a Bucarest.

Poi bisognerà pensare soltanto all’appuntamento continentale, risolvendo prima la questione del rinnovo di Petkovic o del suo successore, per tentare l’assalto a quel salto di qualità che ci continua a mancare: quel quarto di finale sempre e solo sognato, ammirato e sfiorato… se vogliamo davvero crescere, questo è il momento di alzare l’asticella.

Guarda anche 

TAF giudica nuova legge sul canone anticostituzionale, chiesti cambiamenti

Il sistema di riscossione del canone radioTV è contrario alla Costituzione, perché crea disuguaglianze troppo grandi. Il Tribunale amministrativo federale i...
14.12.2019
Svizzera

Tante parole ma pochi fatti: il Lugano resta a Renzetti?

LUGANO – La data fatidica si avvicina, lunedì stando alle parole rilasciate da Angelo Renzetti al “CdT”, ma nulla di nuovo sembra muoversi dalle ...
13.12.2019
Sport

Ma che bella Svizzera! La Nazionale di Fischer fa sognare

VISP – Se ne sta parlando poco, forse troppo poco, visto il campionato in essere e le difficoltà palesate fin qui da Lugano e Ambrì – per restar...
13.12.2019
Sport

La beffa finale arriva al 94’: ciao ciao Europa League

KYEV (Ucraina) – Alla fine è terminata con un altro pareggio, con un altro piccolo punticino per il Lugano la campagna europea dell’Europa League 2019/...
13.12.2019
Sport