Svizzera, 18 novembre 2019

Quadri: "Via la vetusta Convenzione e via la libera circolazione"

*Dal Mattino della Domenica. Di Lorenzo Quadri

Secondo il presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi, la Convenzione tra Svizzera ed Italia che regola i ristorni dei frontalieri sarebbe perfettamente valida ed attuale. Evidentemente, il signor Fermi è in vena di battute. Tale Convenzione sarà forse “valida ed attuale” per i vicini a sud, che se ne avvantaggiano alla grande a scapito del Ticino.

E che oltretutto nemmeno ne utilizzano i proventi per gli scopi dovuti, ma se ne servono per tappare i buchi di gestione corrente. Fa davvero specie che in Consiglio di Stato non si trovi una maggioranza disposta a bloccare i ristorni appoggiando la proposta leghista in tal senso. Ma di certo la Convenzione non è attuale per noi. E men che meno è valida.

Per buona pace del Signor Fermi, la Convenzione del 1974 è infatti stata sottoscritta quando:

- Non c’era la libera circolazione delle persone;

- Era in vigore il segreto bancario;

- Il Belpaese non aveva inserito la Svizzera su liste nere, grigie o zebrate.

Questi presupposti non sono più dati da anni, sicché la Convenzione deve saltare. E’ evidente che su questo chiodo la Lega continuerà a battere ad oltranza. In Ticino e soprattutto a Berna. Tanto più che:

- L’Italia rifiuta di sottoscrivere il nuovo accordo sulla fiscalità dei frontalieri: è dal 2015 che mena il canper l’aia;

- L’accordo sottoscritto con l’Austria (post-libera circolazione) prevede ristorni assai inferiori: il 12.5%, contro il 38.8% graziosamente concesso alla Penisola;

- Il Lussemburgo, per i suoi frontalieri, non versa assolutamente nulla! Quindi, via la Convenzione del 1974 e via anche la devastante libera circolazione delle persone voluta dalla partitocrazia, che ha provocato l’invasione del Ticino con 70mila frontalieri: su questo tema avremo modo di votare la prossima primavera. Come già detto: in qualsiasi altro posto al mondo - a partire dalla Lombardia! - davanti ad una situazione del genere, i cittadini sarebbero già scesi in strada con i forconi.

*Edizione del 17 novembre 2019

Guarda anche 

Da non credere: in treno con televisore, Fortnite e Netflix.

È una scena che ha dell’incredibile quella filmata su un treno che da Zurigo portava a Basilea il 30 settembre scorso. Le immagini non lasciano spazio a dubb...
05.12.2019
Svizzera

Barista butta fuori un avventore di colore molesto, viene accusato di razzismo

Butta fuori dal suo locale un avventore di colore colpevole di aver molestato alcune donne e allora viene accusato di razzismo. È successo a Antoine Piguet, propri...
06.12.2019
Svizzera

Quasi uno svizzero su due non ha fiducia nel Consiglio federale, secondo un sondaggio

La fiducia degli svizzeri nelle istituzioni politiche è notevolmente calata, secondo un'indagine condotta dall'istituto gfs.bern per conto di Credit Suisse...
05.12.2019
Svizzera

Quelle due donne erano di troppo: annullata l'espulsione di un richiedente l'asilo

Tutto da rifare, a causa di due donne. La loro presenza durante l’audizione ha portato all’annullamento della decisione della Segreteria di Stato della mig...
05.12.2019
Svizzera