Svizzera, 18 novembre 2019

Presunto passatore con targhe ticinesi arrestato nel canton Uri

La polizia urana ha arrestato giovedì il conducente di un carro attrezzi con targhe ticinesi, sospettato di essere un passatore. A bordo, oltre all'autista, un 33enne italiano, sono state ritrovate cinque persone prive di documenti di identità.

Gli agenti erano intervenuti nella galleria di Reid, sulla A2, giovedì scorso verso le 6.30 dopo che era scattato l’allarme per motivi tecnici. Sul posto hanno trovato il carro attrezzi, si legge in un comunicato stampa trasmesso oggi ai media dalla polizia cantonale urana.

Durante l’ispezione di una nicchia di sicurezza della galleria gli agenti hanno in seguito scoperto cinque persone sprovviste di documenti. Il sospetto è che l’autista sia un passatore che stava trasportando clandestini, aggiunge la nota.

Su richiesta della Procura, il tribunale per i provvedimenti coercitivi ha disposto la custodia cautelare dell’italiano. I cinque clandestini sono stati invece presi in custodia dalla polizia.

Guarda anche 

La destinazione del Luganese è veramente turistica? Il turismo da metà ottocento ad oggi

Forum sul Turismo 02.12.2019 – La destinazione del Luganese è veramente turistica? In occasione dei 130 anni di attività promozionale della regione,...
03.12.2019
Ticino

Attivisti di sinistra attaccano Mörgeli e Köppel lanciandogli delle bibite

Attivisti di sinistra, membri della "Revolutionäre Jugend Zürich" ("gioventù rivoluzionaria") hanno attaccato il Consigliere nazional...
02.12.2019
Svizzera

Droga, alcool e furti: Il centro asilanti fuori controllo di Zurigo

Droga, alcool, violenza, furti, viavai di persone non autorizzate. “Centro asilanti fuori controllo” è il titolo di un articolo pubblicato mercoled&igr...
21.11.2019
Svizzera

L'aiuto ai clandestini continuerà ad essere un reato

Le persone che aiutano i migranti ad entrare illegalmente nel Paese saranno comunque punite. La commissione competente del Consiglio nazionale ha respinto con 15 voti fav...
09.11.2019
Svizzera