Ticino, 07 novembre 2019

Richiedente l'asilo può restare in Ticino perché "depresso"

È depresso e quindi non può essere rispedito in Iraq. Il Tribunale amministrativo federale (Taf) ha accolto il ricorso presentato dal signor Massimiliano Minì di Sos Ticino per conto di un cittadino iracheno che la Segreteria di Stato della migrazione (Sem) aveva deciso di rinviare al suo paese.

L’uomo, di etnia curda, era arrivato a Chiasso il 7 agosto scorso e aveva depositato una domanda d’asilo il giorno seguente. Allora aveva spiegato di essere espatriato a causa di “alcune problematiche consequenziali ad una relazione amorosa svoltasi all’insaputa delle rispettive famiglie”. Insomma, non esattamente un rifugiato politico…

Ecco che quindi l’iracheno ha furbescamente pensato di giocare la carta della malattia mentale. Già il 14 agosto è stato ricoverato all’Osc di Mendrisio, dove dopo una settimana gli è stato diagnosticato “un episodio depressivo grave con suicidalità attiva”. Gli sono stati quindi stati somministrate dosi giornaliere di Nozinan, Valium, Trittico e Quetiapine. Inoltre è stato preso in carica da uno psichiatra.

Il 2 ottobre la Sem ha comunque deciso di respingere la domanda d’asilo e di chiedere l’allontanamento dell’uomo, ritenendo che fosse “in buona salute”. Ma l’iracheno, tramite il signor Minì di Sos Ticino, ha presentato ricorso e ha ottenuto ragione al Taf. I giudici hanno bacchettato la Sem, sostenendo che avrebbe dovuto meglio delineare i problemi medico-psichiatrici del ricorrente. La Sem dovrà quindi rivalutare la situazione ed emanare una nuova decisione.

Guarda anche 

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera

Le avevano tolto il passaporto svizzero ma le concedono il permesso di soggiorno

Il Tribunale amministrativo federale concesso un permesso di soggiorno a una donna di origine svizzera e a sua figlia, nonostante che la madre non avesse più il pa...
15.10.2020
Svizzera

Migranti si fingono diplomatici e volano in Germania con un jet privato

Richiedenti l'asilo si fingono diplomatici e giungono in Germania con un jet privato. Una famiglia irachena di quattro persone è atterrata venerdì scors...
15.10.2020
Mondo