Svizzera, 23 ottobre 2019

Illegalmente in Svizzera, non vengono espulsi perchè il padre è malato

Due cittadini kosovari, un fratello e una sorella, senza lavoro e senza permesso di soggiorno residenti nel canton Ginevra non dovranno fare ritorno al loro paese perché il padre è malato.

Come riporta la "Tribune de Geneve", il Tribunale ha annullato una decisione di espulsione del cantone, sostenendo che la presenza dei figli accanto al padre è vantaggiosa per lui e per la comunità. L'uomo possiede un permesso C e soffre di una malattia agli occhi che ne limita la vista, nonché di disturbi mentali. I due riceveranno quindi un permesso B.

"L'aiuto e le cure fornite dai suoi figli evitano il ricovero o costose cure domiciliari", hanno motivato i giudici. Gli avvocati della famiglia accolgono questa decisione dopo otto anni di combattimenti. Secondo loro, questo tipo di decisione potrebbe moltiplicarsi in futuro con l'invecchiamento della popolazione straniera.

Guarda anche 

Condannato per discriminazione razziale per aver insultato gli stupratori della sua amica

Insulta gli stupratori della sua amica e viene condannato. Uno dei quattro uomini condannati per lo stupro di una transessuale di 27 anni a Vevey nel canton Vaud (vedi ar...
18.01.2020
Svizzera

Ginevra spende 56'000 franchi per far cambiare sesso all'omino dei cartelli pedonali

L'omino stilizzato che siamo abituati a vedere nei cartelli pedonali non è abbastanza “inclusivo” per il comune di Ginevra, che ha deciso di spende...
17.01.2020
Svizzera

In carcere per aver pagato gli operai 20 centesimi all'ora

Il titolare di una società fallita nel 2018 è stato denunciato da quindici dei suoi ex dipendenti e posto in detenzione preventiva a Ginevra. L'accusa &...
16.01.2020
Svizzera

Avevano occupato il Credit Suisse "per il clima" e criticare Federer, tutti assolti

Il tribunale distrettuale di Renens ha assolto un gruppo di dodici attivisti pro-clima che avevano partecipato a novembre 2018 all'occupazione dei locali del Credit S...
14.01.2020
Svizzera