Svizzera, 23 ottobre 2019

Illegalmente in Svizzera, non vengono espulsi perchè il padre è malato

Due cittadini kosovari, un fratello e una sorella, senza lavoro e senza permesso di soggiorno residenti nel canton Ginevra non dovranno fare ritorno al loro paese perché il padre è malato.

Come riporta la "Tribune de Geneve", il Tribunale ha annullato una decisione di espulsione del cantone, sostenendo che la presenza dei figli accanto al padre è vantaggiosa per lui e per la comunità. L'uomo possiede un permesso C e soffre di una malattia agli occhi che ne limita la vista, nonché di disturbi mentali. I due riceveranno quindi un permesso B.

"L'aiuto e le cure fornite dai suoi figli evitano il ricovero o costose cure domiciliari", hanno motivato i giudici. Gli avvocati della famiglia accolgono questa decisione dopo otto anni di combattimenti. Secondo loro, questo tipo di decisione potrebbe moltiplicarsi in futuro con l'invecchiamento della popolazione straniera.

Guarda anche 

Frontaliere espulso dopo 27 anni in Ticino: "Giusto così"

Il Tribunale federale, con sentenza datata 19 giugno e pubblicata ieri, ha confermato la revoca del permesso G a un frontaliere che lavorava in Ticino dal 1988.   ...
09.07.2020
Ticino

Aggredito mentre urina su un muro, la Suva gli taglia le indennità per infortunio

Il Tribunale federale conferma la riduzione delle indennità per infortunio della Suva per un giovane che aveva urinato su un muro per poi essere violentemente aggr...
06.07.2020
Svizzera

Il PLR di Ginevra esclude il Consigliere di Stato Maudet dal partito

Il Comitato direttivo del PLR di Ginevra ha deciso lunedì mattina di escludere dal partito il consigliere di Stato Pierre Maudet. Ventidue voti sono stati espressi...
06.07.2020
Svizzera

Condannato e espulso per aver abusato di un'adolescente che aveva drogato

È una serie impressionante di accuse quelle a cui ha dovuto rispondere un 23enne domenicano a un processo svoltosi giovedì a Neuchâtel. Alla fine, il ...
04.07.2020
Svizzera