Sport, 18 ottobre 2019

Dalla nazionale ai dilettanti: il saluto militare turco sta mettendo in apprensione anche le federazioni regionali

Il gesto dei giocatori della Turchia, in appoggio all’esercito che sta attaccando la Siria, è stato già emulato in Germania dove la federazione bavarese è già intervenuta

LUGANO – Ha fatto il giro del mondo. Quelle immagini dei giocatori della Turchia che con la mano destra sulla fronte fanno il saluto militare dopo ogni gol siglato ha mosso l’opinione pubblica. Quel sostegno – forse anche obbligato – all’esercito di Erdogan non è passato inosservato neanche alla Uefa che ha aperto una procedura, minacciando sanzioni e multe perché abusare del palcoscenico calcistico a fini di propaganda è vietato.

Quel saluto, quel gesto però non è rimasto un caso isolato, ma ha già trovato chi lo ha emulato. Il club tedesco Türskpor Mainburg, infatti, è finito nell’occhio del ciclone della federazione della Bassa Baviera. Nella squadra militano giocatori di origine turca e nello scorso weekend hanno festeggiato una rete proprio con il saluto militare. La Bavarian Football Association ha reagito prontamente annunciando che “non tollera comportamenti provocatori e ogni singolo caso analizzato e punito”.

La domanda nasce spontanea: questo gesto toccherà anche la Svizzera, vista la presenza di diversi club con giocatori di origine turca? La SFV col suo regolamento parla chiaro: “I club possono essere soggetti a delle misure disciplinari se diffondono messaggi dal contenuto politico, offensivo o provocatorio”.

Il rischio? Potrebbero esserci multe, ma anche cancellazioni di risultati, esclusioni dai campionati e retrocessioni obbligate.

Guarda anche 

L'ONU critica la Svizzera per la legge anti-terrorismo, "va contro i diritti umani"

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani critica la proposta di legge antiterrorismo del Consiglio federale. In una lettera al governo, mette in gua...
31.05.2020
Svizzera

"L'Italia convoca l'ambasciatrice svizzera per i confini chiusi. E noi?"

Le limitazioni al confine tra la Svizzera e l'Italia per i controlli degli spostamenti tra i due paesi saranno al centro di un incontro tra l'ambasciatrice della ...
05.05.2020
Svizzera

La CEDU condanna la Svizzera, ma per il Tribunale federale la sentenza è "incomprensibile"

La Svizzera non dispone di una base giuridica sufficiente per incarcerare una persona condannata a seguire una misura terapeutica. La Corte europea dei diritti dell'u...
20.04.2020
Svizzera

Riapertura dei valichi, "abbiamo calato le braghe"

La decisione dell'Amministrazione federale delle dogane di riaprire, seppur parzialmente, alcuni valichi doganali sarebbe stata dettata da pressioni dell'Italia s...
16.04.2020
Ticino