Sport, 18 ottobre 2019

Dalla nazionale ai dilettanti: il saluto militare turco sta mettendo in apprensione anche le federazioni regionali

Il gesto dei giocatori della Turchia, in appoggio all’esercito che sta attaccando la Siria, è stato già emulato in Germania dove la federazione bavarese è già intervenuta

LUGANO – Ha fatto il giro del mondo. Quelle immagini dei giocatori della Turchia che con la mano destra sulla fronte fanno il saluto militare dopo ogni gol siglato ha mosso l’opinione pubblica. Quel sostegno – forse anche obbligato – all’esercito di Erdogan non è passato inosservato neanche alla Uefa che ha aperto una procedura, minacciando sanzioni e multe perché abusare del palcoscenico calcistico a fini di propaganda è vietato.

Quel saluto, quel gesto però non è rimasto un caso isolato, ma ha già trovato chi lo ha emulato. Il club tedesco Türskpor Mainburg, infatti, è finito nell’occhio del ciclone della federazione della Bassa Baviera. Nella squadra militano giocatori di origine turca e nello scorso weekend hanno festeggiato una rete proprio con il saluto militare. La Bavarian Football Association ha reagito prontamente annunciando che “non tollera comportamenti provocatori e ogni singolo caso analizzato e punito”.

La domanda nasce spontanea: questo gesto toccherà anche la Svizzera, vista la presenza di diversi club con giocatori di origine turca? La SFV col suo regolamento parla chiaro: “I club possono essere soggetti a delle misure disciplinari se diffondono messaggi dal contenuto politico, offensivo o provocatorio”.

Il rischio? Potrebbero esserci multe, ma anche cancellazioni di risultati, esclusioni dai campionati e retrocessioni obbligate.

Guarda anche 

“Ciao Los Angeles. Ora torna a guardare il baseball”. Il sobrio saluto di Ibrahimovic alla MLS

LOS ANGELES (USA) - Mai banale neanche quando si tratta di presentare il suo saluto a un campionato che lo ha accolto a braccia aperte, a una squadra che lo ha trattato c...
14.11.2019
Sport

Asprilla da paura: “Un narcos mi ha chiesto l’autorizzazione per uccidere Chilavert”

MEDELLIN (Colombia) – Non ha avuto certo una vita noiosa Faustino Asprilla, storico attaccante della Colombia degli anni ’90 che ha vestito anche la maglia de...
14.11.2019
Sport

Balotelli che combini? Viene in Ticino e gli ritirano la patente!

BELLINZONA – Che sia dedito a delle bravate, le famose “balotellate”, è un dato di fatto, ma questa volta Mario Balotelli ne ha combinata una del...
12.11.2019
Sport

VIDEO – Ancora cori razzisti allo stadio. Giocatore reagisce: espulso!

KHARKIV (Ucraina) – Si parla tanto di debellare il razzismo negli stadi, ma al primo gesto di ribellione… il giocatore che subisce gli insulti razzisti viene...
12.11.2019
Sport