Mondo, 14 ottobre 2019

La destra anti-UE stravince le elezioni in Polonia

Il partito Diritto e Giustizia (PiS) avrebbe ampiamente vinto le elezioni legislative polacche e continuerà quindi a guidare il paese per i prossimi quattro anni.
Quando sono stati scrutinati quasi il 92% dei seggi elettorali il PiS di Jaroslaw Kaczynski ottiene il 44,38% dei voti alle elezioni per la dieta (camera bassa).

Se confermato definitivamente, un tale livello di sostegno gli garantirà la maggioranza assoluta nella camera bassa e un secondo mandato di quattro anni, senza la necessità di cercare un partner per formare una coalizione.

In attesa della pubblicazione dei risultati ufficiali finali, attesi lunedì sera o martedì mattina, i conservatori sono stati restii a mostrare la loro soddisfazione.
Il leader PiS Jaroslaw Kaczynski è apparso relativamente cupo domenica sera, apparentemente un po 'deluso dal risultato. "Meritevamo di più", ha affermato Kaczynski, considerato l'uomo più influente in Polonia.

"Dobbiamo pensare al (...) perché una parte della società ha ritenuto di non doverci sostenere", ha aggiunto, ribadendo che le riforme iniziate nel primo quadriennio sarebbero proseguite.
"Abbiamo quattro anni di duro lavoro davanti a noi, la Polonia deve cambiare di più e deve cambiare in meglio", ha affermato il leader del PiS.

I commentatori vicini all'opposizione hanno invece descritto la vittoria dei conservatori come una minaccia all'indipendenza delle autorità locali e dei media.

Il primo ministro uscente Mateusz Morawiecki sembrava invece più allegro e sorridente.
"Tutto indica che il PiS formerà il prossimo governo, quindi penso che Mateusz Morawiecki continuerà la sua missione", ha detto il suo capo dello staff Michal Dworczyk alla radio pubblica lunedì mattina.

Il principale partito di opposizione, Coalizione Civica (KO, centrist), otterrebbe il 26,77%, seguito dalla sinistra (12,34%), che torna in Parlamento dopo quattro un'assenza di quattro anni.

Il partito contadino PSL arriva al 8,63% dei voti, mentre “Confederazione”, una formazione anti-sistema didestra composta da ultra-liberali e nazionalisti anti-immigrazione, entrerebbe in parlamento con il 6,76%.

I commenti dei media polacchi, che, ad eccezione della televisione pubblica, sono per lo più critici nei confronti del PiS, sono stati dedicati principalmente lunedì mattina al perseguimento delle riforme del PiS, alcune delle quali, in campo giudiziario, hanno causato negli scorsi anni un conflitto con la Commissione europea. Un altro punto di disaccordo con Bruxelles è stata la distribuzione dei migranti tra i paesi dell'UE, soluzione a cui il governo polacco guidato dal PiS si è sempre opposto.

Sono stati anche sottolineati i punti deboli dell'opposizione centrista e del leader del KO Grzegorz Schetyna, che potrebbe essere costretto a lasciare il suo posto.

Guarda anche 

"Votare adesso darebbe un risultato falsato"

Rinviare o meno le elezioni comunali in programma il prossimo 5 aprile. Una delle questioni su cui il governo e i politici si devono chinare in questi giorni è se ...
17.03.2020
Ticino

Elezioni in Turgovia, vincono UDC e Verdi

La composizione del governo turgoviese rimane invariata con Urs Martin (UDC) che è riuscito a difendereil seggio lasciato libero dal suo collega di partito Jakob S...
16.03.2020
Svizzera

Interrompere le elezioni… per il tornaconto di chi?

Nel giro di un paio di settimane, l’emergenza coronavirus ha cambiato la nostra quotidianità. Ma il maledetto virus è un motivo per rinviare (a questo...
16.03.2020
Opinioni

"Bellinzona deve diventare un polo sanitario riconosciuto a livello federale"

Oggi a presentarsi è Luciano Milani, candidato al Consiglio comunale di Bellinzona, che il prossimo 5 aprile cercherà di conquistare un mandato nel legislat...
16.03.2020
Ticino